L’ultimo giorno di Lettera43. Dopo 10 anni chiude il giornale diretto da Paolo Madron

Ad ufficializzarlo Paolo Madron su Twitter: «Ringrazio l’editore che mi ha dato 10 anni di assoluta libertà»

Lettera43 chiude. Le notizie sulla fine del giornale online diretto da Paolo Madron avevano cominciato a circolare già da diversi giorni. Da quando a inizio aprile era apparso un articolo su ItaliaOggi che annunciava la sua imminente chiusura. Ora c’è una data, e una comunicazione ufficiale: venerdì 15 maggio il quotidiano online Lettera 43 cesserà ufficialmente le pubblicazioni.

Ad annunciarlo Paolo Madron, direttore del quotidiano e anche presidente di News 3.0, la società editrice dietro il giornale. A prendere questa decisione Matteo Arpe, banchiere e direttore d’azienda che attraverso la società Sator gestiva News 3.0. I motivi, a quanto si apprende da PrimaOnline, sarebbero di ordine economico: l’iniziativa non era più sostenibile.

Paolo Madron: «Dieci anni di assoluta libertà»

Con un tweet Madron ha voluto ringraziare sia l’editore che la redazione: «Ringrazio l’editore che mi ha dato 10 anni di assoluta libertà. E la redazione che ci ha messo grande impegno. Le storie iniziano, finiscono, talvolta si riprendono. Si vedrà». Secondo il report Audiweb del marzo 2020, l’ultimo disponibile, Lettera 43 aveva un audience di circa 82mila utenti al giorno.

La chiusura di Lettera 43 arriva dopo quella di altri due testate legate al gruppo: Lettera Donna e Pagina 99. Nel dicembre 2017 il settimanale di economia e cultura Pagina 99 aveva chiuso, trasferendo i suoi contenuti su una piattaforma online. Mentre il giornale online Lettera Donna è stata messa offline alla fine di questo gennaio.

Leggi anche: