Fase 2, estate (quasi) salva per i più piccoli: via libera ai centri estivi e ludoteche dal 15 giugno

Le riaperture potrebbero anche essere anticipate dalle Regioni, se la situazione dei contagi lo permette

Buone notizie almeno per l’estate dei più piccoli, e per i genitori alle prese con il ritorno al lavoro della Fase 2 dell’emergenza Coronavirus, dopo l’annuncio della ministra per la Famiglia Elena Bonetti che ha fissato al 15 giugno la riapertura dei centri estivi. Nel corso di una diretta sulla pagina Facebook di Italia viva, la ministra ha confermato che i centri possono aprire anche prima del mese prossimo, sulla base dell’ultimo Dpcm che affida alle Regioni la possibilità di anticipare o posticipare: «a seconda della situazione dello stato epidemiologico del territorio regionale».


Le prime aperture quindi potrebbero arrivare almeno al Sud, fatte salve le decisioni dei presidenti di regione. Stanziati nell’ultimo decreto Rilancio, ancora in attesa della pubblicazione in Gazzetta ufficiale, 185 milioni di euro. Fondi che serviranno soprattutto ad adattare i centri per i bambini alle regole sul contenimento dei contagi che l’emergenza sanitaria ancora impone.

Leggi anche: