Milano, il “bike strike” di Fridays for Future. Gli organizzatori: «Vogliamo una città per pedoni e ciclisti» – Il video

La biciclettata attraversa la città in vari punti simbolo del cambiamento climatico e terminerà sotto il Palazzo della Regione. Ma la partecipazione è tiepida

Sono tornati. Dopo il lungo lockdown che ha interrotto qualsiasi tipo di manifestazione, i ragazzi di Fridays for Future si riappropriano delle vie cittadine per protestare e sensibilizzare la popolazione sul cambiamento climatico. In 30 città italiane, in occasione della giornata mondiale dell’ambiente, hanno riempito le strade «per chiedere che la ripartenza dopo il Coronavirus non sia un ritorno alla normalità, ma un salto verso un mondo nuovo! L’unico in cui la vita sia possibile».

A Milano, il 5 giugno, è andato in scena «un bike strike». Lo definisce così Sarah Brizzolara, una dei leader del gruppo Fridays for Future Milano. Arrivata in piazza, però, anche lei è sorpresa dalla partecipazione tiepida: «Ho notato che ci sono più telecamere che bici – sono circa una cinquantina -, ma è anche vero che veniamo da un periodo complicato. L’abbiamo sfruttato per imparare a gestire meglio la parte online del movimento».

Open / Felice Florio | Manifestazione Fridays for Future Milano, 5 giugno 2020

Sul sindaco Beppe Sala e sul comportamento dell’amministrazione in materia di clima, «è vero che Milano ha dichiarato l’emergenza ambientale, ma ci voleva il coronavirus per far capire all’amministrazione che bisognava investire con decisione sulle piste ciclabili», dice Sarah. La biciclettata di oggi serve anche a «pretendere più sforzi per la mobilità leggera. Non basta quello che si sta facendo: Milano deve diventare una città a misura di pedoni e ciclisti».

Open / Felice Florio | Manifestazione Fridays for Future Milano, 5 giugno 2020

Giammarco, altro leader del movimento milanese, illustra le tappe del percorso: «Da qui – largo Cairoli – ci dirigeremo verso zona Buenos Aires, mostreremo uno striscione davanti al negozio di Benetton, azienda che da anni porta avanti politiche di disboscamento. Concluderemo la protesta sotto il palazzo della Regione Lombardia. Prima del Coronavirus non hanno accolto un nostro documento in cui chiedevamo di dichiarare l’emergenza sanitaria in Lombardia».

Open / Felice Florio | Manifestazione Fridays for Future Milano, 5 giugno 2020

«Manifestiamo anche per la popolazione brasiliana – continua Gianmarco – in Amazzonia è in corso una strage e Bolsonaro non sta facendo nulla per fermarla, anzi». Il bike strike milanese si fermerà davanti alla sede del consolato brasiliano, ma anche davanti agli uffici della società di servizi energetici A2A.

Open / Felice Florio | Manifestazione Fridays for Future Milano, 5 giugno 2020

Leggi anche