Sparatoria Minneapolis, un morto e almeno 11 feriti. Scontri tra almeno 100 persone con armi di vario tipo

La polizia non ha dato nessuna indicazione su eventuali sospetti o riguardo ai moventi della strage

Nelle prime ore di domenica 21 giugno Minneapolis, la città al centro delle cronache per la morte di George Floyd, è stata sconvolta da uno scontro a fuoco le cui dinamiche sono ancora incerte. L’ultimo bollettino della polizia parla di dodici persone raggiunte da colpi di arma da fuoco. Di loro, un uomo adulto è morto, gli altri 11 non sarebbero in pericolo di vita. Agli inquirenti sono state segnalate circa 100 persone viste litigare durante la sparatoria con armi di vario tipo.

La sparatoria è avvenuta nel blocco 2.900 di Hennepin Avenue. Al momento non ci sono indicazioni riguardo eventuali sospetti o persone arrestate. Danni anche agli esercizi commerciali della zona, con molte vetrine andate in frantumi. Intanto la polizia ha chiesto alla cittadinanza di mantenersi a distanza dalla zona del crimine.

Notizia in aggiornamento

Leggi anche: