Il compagno di Rocco Casalino segnalato all’Antiriciclaggio: «Vittima del trading online, è ludopatico»

Per il portavoce del premier non c’è alcun conflitto di interesse: «Non ha acquistato titoli italiani»

«Sapevo solo che stava facendo un corso per trading, non che avesse investito e perso soldi. Non ha puntato su titoli italiani o che abbiano a che fare con il mio lavoro». Si difende così il portavoce del presidente del consiglio, Rocco Casalino, dallo scandalo che ha investito il compagno José Carlos Alvarez Aguila, segnalato dall’antiriciclaggio della Banca d’Italia. Il tutto è cominciato prima del lockdown per il Coronavirus quando Casalino e Aguila decidono di aprire assieme un sushi bar. L’idea viene viene dal compagno e il portavoce del premier è deciso anche lui a investire.


Il trading durante il lockdown

Poi arriva la quarantena e Aguila inizia a passare molto tempo su alcuni siti di trading online. Viene attirato da un broker che gli promette soldi facili. Comincia a investire sempre più denaro e quel passatempo diventa un ossessione. «È malato di ludopatia», afferma Casalino. Il compagno ha perso 18 mila euro in due mesi. Il portavoce si difende e dice che non sospettava nulla. «Pensavo che i 25 mila euro sul conto di José fossero ancora lì. Tanto che gli avevo detto di usarli perle vacanze», spiega Casalino al Corriere. I soldi sono quelli ottenuti per l’apertura del sushi bar. Sul conto ci sono anche vari bonifici di Casalino per spese quotidiane e per aiutare la mamma del compagno a Cuba.

Movimenti per 150 mila euro

Il quotidiano La Verità – che ha fatto emergere il caso – dopo i dubbi dell’Antiriciclaggio parla di movimenti per 150 mila euro: difficili con un solo sussidio di disoccupazione. Ma Casalino si difende: «I conti sono qui, li potete verificare». Anche Alvarez spiega cosa è successo: «Ho perso 18 mila euro. Tutta colpa del petrolio, che è andato sotto zero. Mi avevano detto che potevo guadagnare 2 mila euro, e invece ho perso tutto. Ero disperato, ho pensato al peggio».

Leggi anche: