Coronavirus, a Berlino la polizia ferma il corteo dei negazionisti (senza mascherina e assembrati)

Cantano «Siamo la seconda ondata», ma anche «la maschera è la stella ebraica nazista dei non vaccinati». Per loro la pandemia è «la più grande teoria cospitatoria»

La Germania fa i conti con i negazionisti della pandemia di Coronavirus, che scendono in piazza e in corteo proprio mentre i contagi aumentano e quasi mille sono quelli registrati nelle ultime 24 ore. Sono migliaia, sono contro le misure anti-Covid perché ritenute restrittive delle libertà individuali, e hanno marciato in corteo in centro, a Berlino, fino alla Porta di Brandeburgo. Senza mascherine, decisamente assembrati. Tanto che gli agenti di polizia sono intervenuti con gli altoparlanti per disperdere il corteo di 20mila persone tra no-vax ed estremisti di destra.

EPA/FELIPE TRUEBA | La manifestazione dei negazionisti a Berlino, 1 agosto 2020.

La mobilitazione è stata ribattezzata «La fine della pandemia – Giornata della libertà». Per chi partecipa la pandemia è «la più grande teoria cospiratoria». Cantano «Siamo la seconda ondata», ma anche «la maschera è la stella ebraica nazista dei non vaccinati». La polizia ha «presentato un reclamo» contro l’organizzazione per «mancata conformità norme igieniche», anche perché era stato registrato per non più di un migliaio di persone.

In copertian EPA/FELIPE TRUEBA | La manifestazione dei negazionisti a Berlino, 1 agosto 2020.

Leggi anche: