«Non vieni assunto neanche per pulire i ce*si»: Burioni querelato per diffamazione da un utente

L’uomo lo aveva sfidato a un duello sulla scienza. Il virologo gli ha dato dell’«ignorante arrogante»

Il virologo Roberto Burioni dovrà fare i conti con le conseguenze degli scambi social “coloriti” avuti sui social con diversi utenti. Un uomo con cui il professore aveva avuto una querelle sul web – prima dell’era del Coronavirus – lo avrebbe querelato per diffamazione.

Il professore dell’Università Vita-Salute del San Raffaele aveva risposto all’utente – antivaccinista – che lo aveva coinvolto in un dibattito sulla scienza («la scienza non è titolo, è conoscenza»), proponendogli un duello -anche televisivo – per vedere chi ne sapesse di più. Burioni aveva riportato lo scambio su Twitter in un post dalla didascalia: «Conversazioni con i babbei, 2019».

Il virologo scrive:

«Stai attento perché mi sembri come uno di quei ripetenti che non afferrano bene il concetto al primo colpo, non ti sei nemmeno laureato»;

«Io ho studiato e ho avuto posti di responsabilità, mentre uno come te non viene assunto nemmeno per pulire i cessi»;

«Sei solo un ignorante molto arrogante con una connessione a internet»;

«Segui il mio corso, prendendo appunti e in rigoroso silenzio»;

«Il mondo moderno ha illuso ogni somaro arrogante e stupido di poter parlare alla pari con chi studia da 35 anni».

Lo scambio poco pacifico ora potrebbe finire direttamente in tribunale.

Leggi anche: