Scuola, firmato il protocollo di sicurezza per la riapertura. Ecco come si tornerà in aula a settembre – Il documento

Scaglionamento degli ingressi, igienizzazione dei locali, obbligo delle mascherine e supporto psicologico tra le disposizioni

Via libera al ministero dell’Istruzione al Protocollo di sicurezza per la ripresa di settembre. L’annuncio, sulla propria pagina Facebook, è della ministra Lucia Azzolina, che ha spiegato come si tratti di un «accordo importante che contiene le misure da adottare per garantire la tutela della salute di studentesse, studenti e personale, ma anche impegni che guardano al futuro e al miglioramento della scuola come il contrasto delle classi cosiddette “pollaio”». Il protocollo fissa e ribadisce misure già note, una su tutti: l’obbligo di rimanere a casa in presenza di temperatura oltre i 37.5° o altri sintomi simil-influenzali e di chiamare il proprio medico di famiglia e l’autorità sanitaria.

Il testo del protocollo d’intesa

Scaglionamento degli ingressi

Primo punto è quello che riguarda le disposizioni per gli ingressi e le uscite, che ogni scuola dovrà adottare, al fine di evitare assembramenti. Gli istituti, attraverso una opportuna segnaletica e con una campagna di sensibilizzazione ed informazione, dovranno comunicare le regole da rispettare. Tra le misure anche l’accesso dello studente «attraverso l’accompagnamento da parte di un solo genitore o di persona maggiorenne delegata dai genitori o da chi esercita la responsabilità genitoriale, nel rispetto delle regole generali di prevenzione dal contagio, incluso l’uso della mascherina durante tutta la permanenza all’interno della struttura».

Pulizia e igienizzazione di luoghi e attrezzature

Il Protocollo prevede che gli istituti assicurino la pulizia giornaliera e l’igienizzazione periodica di tutti gli ambienti predisponendo un cronoprogramma ben definito, da documentare attraverso un registro regolarmente aggiornato. L’attività di igienizzazione riguarderà gli ambienti di lavoro e le aule, le palestre, le aree comuni, le aree ristoro e mensa, i servizi igienici e gli spogliatoi, le attrezzature e postazioni di lavoro o laboratorio ad uso promiscuo, il materiale didattico e ludico, le superfici comuni ad alta frequenza di contatto (es. pulsantiere, passamano).

Igiene personale e dispositivi di protezione

Si ribadisce l’obbligo per chiunque entri negli ambienti scolastici di adottare precauzioni igieniche e l’utilizzo della mascherina. Il Protocollo specifica inoltre che il Comitato tecnico scientifico si esprimerà, nell’ultima settimana di agosto, in ordine all’obbligo di utilizzo di mascherina da parte degli studenti.

Supporto psicologico

Previsto anche il ricorso ad azioni di supporto psicologico «per fronteggiare situazioni di insicurezza, stress, ansia dovuta ad eccessiva responsabilità, timore di contagio, rientro al lavoro in “presenza”, difficoltà di concentrazione, situazione di isolamento vissuta». Il supporto sarà rivolto a studenti e personale, attraverso sportelli di ascolto e canali di comunicazione tra scuola e famiglia.

Help desk

Tra le misure del documento anche un servizio dedicato di help desk per le istituzioni scolastiche, per richiedere assistenza via web, prenotazioni di chiamata e contattare il numero verde 800903080 attivo dal 24 agosto, dal lunedì al sabato, dalle 9:00 alle 13:00 e dalle 14:00 alle 18:00, con funzioni di front office, al fine di raccogliere quesiti e segnalazioni sull’applicazione delle misure di sicurezza e fornire assistenza e supporto operativo anche di carattere amministrativo.

Leggi anche: