Gaffe del Tg2: confonde in onda la pillola abortiva con quella del giorno dopo

L’errore è stato notato dal deputato di Italia Viva Michele Anzaldi che ha parlato di «un gravissimo episodio»

Le «legge 194 è e resta una norma civile del nostro Paese». Con il benestare del ministro della Salute Roberto Speranza il Governo ha deciso di estendere l’uso della pillola abortiva Ru486 fino alla nona settimana di gravidanza e senza ricovero obbligatorio. L’aborto farmacologico potrà avvenire in day hospital.

Un passo importante, anche se nell’affrontare questo argomento non sono stati pochi gli scivoloni e la gaffe. Uno tra tutti quello del Tg2 che in onda ha confuso la pillola RU486 con quella del giorno dopo. A notare l’errore è stato il deputato di Italia Viva Michele Anzaldi, membro della commissione di vigilanza Rai: «Ancora un grave errore al Tg2 – ha scritto su Twitter – stavolta ha scambiato la pillola abortiva RU486 con la “pillola del giorno dopo”. Gravissimo episodio di disinformazione sanitaria. Al Tg2 nessuno controlla ciò che va in onda? Come fa l’Ad Salini a non prendere immediati provvedimenti?».

La differenza tra le due pillole dovrebbe invece essere chiara. Al momento la pillola abortiva può essere presa fino alla settimana settimana di gravidanza e presto si potrà prendere fino alla nona. Mentre la pillola del giorno dopo – considerata invece un contraccettivo – può essere assunta fino a 72 ore dopo il rapporto sessuale.

Leggi anche: