Val di Susa, rimuove un quadro di Mussolini appeso in un’osteria: aggredito. Presidio antifascista davanti al locale

È successo a Exilles, all’Osteria degli Archibugi, già salita agli onori delle cronache quando la presenza del quadro del Duce era stata denunciata da un cliente nel 2019

Ferragosto antifascista in Val di Susa in Piemonte. A Exilles, un ragazzo è stato malmenato dopo aver tentato di rimuovere da un’osteria un quadro in cui era raffigurato Benito Mussolini. Il giorno dopo, fuori dall’osteria degli Archibugi, si sono radunate in segno di protesta alcune decine di persone. Secondo un ricercatore torinese, che sarebbe stato presente sul luogo, il pestaggio è stato interrotto da alcuni passanti che sono intervenuti in difesa del ragazzo. In seguito, il quadro sarebbe stato recuperato e riappeso.


I precedenti

L’Osteria degli Archibugi era già stata al centro di polemiche quando, nel dicembre del 2019, un cliente aveva denunciato su Facebook la presenza del quadro nel ristorante. All’epoca, i proprietari del locale avevano difeso la loro scelta, argomentando che il quadro di Mussolini era stato appeso in quanto cenno storico, come altre immagini e quadri presenti nell’Osteria che raffigurano soldati delle Grandi Guerre. «Non si tratta né di cattivo gusto e né di ostentare nulla – avevano dichiarato -. Nel nostro locale non si fa politica, si vendono piatti e si offre una stanza».

In copertina Facebook

Leggi anche: