Caso Jacob Blake: i Milwaukee Bucks del Wisconsin boicottano i playoff. E la Nba rinvia 3 partite

«Chiediamo un cambiamento. Siamo stufi di tutto questo», twitta LeBron James. Alex Lasry, vicepresidente e figlio del coproprietario dei Bucks: «Alcuni valori sono più grandi del basket»

La Nba ha deciso di rinviare tutte e tre le partite di playoff – che sono state riprogrammate previste oggi dopo che i Milwaukee Bucks, squadra del Wisconsin, hanno boicottato la sfida contro Orlando Magic per il caso di Jacob Blake, il 29enne afroamericano colpito alla schiena dalla polizia a Kenosha, Wisconsin.

Le altre due gare sono Houston Rockets-Oklahoma City Thunder e Los Angeles Lakers-Portland Trail Blazers. La decisione dei Milwaukee Bucks della star Giannis Antetokounmpo di boicottare Gara 5 di playoff NBA contro gli Orlando Magic, per protestare contro il ferimento di Blake, trova anche l’appoggio delle altre squadre.

«Chiediamo un cambiamento. Siamo stufi di tutto questo», twitta LeBron James, che già si era espresso sull’episodio in questi giorni.

«Chiediamo giustizia», dice Donovan Mitchell.

E arriva anche l’appoggio di Alex Lasry, vicepresidente e figlio del coproprietario dei Bucks: «Alcuni valori sono più grandi del basket», scrive su Twitter. «La posizione assunta oggi dai giocatori e dall’organizzazione dimostra che siamo stufi. Quando è troppo è troppo. Il cambiamento deve avvenire. Sono incredibilmente orgoglioso dei nostri ragazzi e siamo al 100% con i nostri giocatori pronti ad assisterli e a portare avanti un vero cambiamento».

Leggi anche: