Il direttore dello Spallanzani Vaia: «Non è più tempo per la paura: chi deve decidere, lo faccia»

L’appello del direttore sanitario dello Spallanzani che invita a «uscire da questo brutto sogno» con «capacità decisionale»

Il direttore sanitario dello Spallanzani di Roma, Francesco Vaia, lancia un monito dal suo profilo Facebook. «Non è il tempo della paura né del panico ma della responsabilità» scrive. Lui è alla guida di uno dei più importanti ospedali italiani che, in questi mesi, si sono contraddistinti nella lotta al Coronavirus. «Leggo negli occhi di tutte le persone che incontro una domanda: “che sta succedendo? Davvero sta riprendendo tutto? Adesso che facciamo?”» prosegue.

Il post su Facebook

L’impegno di medici e infermieri

Vaia non può non ricordare l’impegno di medici, infermieri e, più in generale, degli operatori sanitari che non si sono mai fermati per assicurare cure tempestive a tutti, nonostante il sistema sanitario nazionale sia stato sotto stress per diversi mesi. Spesso i sanitari hanno «rinunciato a ferie meritate e hanno lavorato sotto il sole a temperature insopportabili» ha spiegato: «Ma ora chi deve decidere decida rapidamente».

«Aumentare il numero di aule scolastiche»

L’obiettivo, adesso, è quello di evitare il più possibile che «nei porti, negli aeroporti e nelle stazioni si imbarchino persone positive al Coronavirus, asintomatiche e senza febbre». Inoltre bisognerebbe aumentare da una parte «il numero delle aule scolastiche e degli spazi della socialità» in vista del rientro di settembre, dall’altra «migliorare i mezzi di trasporto pubblico accedendo ai fondi europei».

«Usciamo da questo brutto sogno»

«Sono mesi che lo diciamo – conclude Vaia – Usciamo dalla paura e dalla paralisi che ne deriva. Usciamo da questo brutto sogno riprendendo in mano la speranza ma anche la capacità decisionale dimostrando nei fatti di essere un grande Paese» ha concluso.

Foto in copertina di repertorio: ANSA/RICCARDO ANTIMIANI

Leggi anche: