Scontro in tv tra De Gregorio e Sallusti. La giornalista: «Ma perché chiama per nome solo me?» – Il video

L’ex direttrice dell’Unità ne fa (giustamente) una questione di principio. Perché la parità di genere passa anche dal linguaggio

La giornalista Concita De Gregorio non ci sta a essere l’unica chiamata per nome in tv, e a Dimartedì su La7 va in scena lo scontro con il direttore del quotidiano il Giornale, Alessandro Sallusti. «Mi scusi, ma perché mi chiama per nome e io la chiamo per cognome?», domanda l’ex direttrice dell’Unità. «Mi scusi dottoressa», risponde Sallusti. E De Gregorio ribatte: «Mi basterebbe anche solo il cognome».


Sallusti, a quel punto, rincara la dose: «Cara professoressa, dimenticavo che non vuoi mischiarti con gli ignoranti. Mi scusi, dottoressa». «No, non voglio il titolo, non la buttare su questo», replica ancora De Gregorio. E in effetti il punto è un altro: «Vorrei stabilire un principio. Non capisco perché chiami me per nome e tutti gli altri per cognome».

Per riportare la calma interviene il conduttore del talk, Giovanni Floris, che tenta di smorzare la tensione e finisce per cambiare discorso: «L’accusa a Sallusti è di sessismo, ma credo che la sua sia una maggiore affabilità. Sa come ne usciamo, dottor Sallusti? Con Nando Pagnoncelli, che ha per noi un nuovo sondaggio».

Video: Dimartedì / La7

Leggi anche: