Coronavirus, un focolaio a Montecitorio? I capigruppo di M5s, Forza Italia e Fratelli d’Italia sono positivi

Maria Stella Gelmini, Davide Crippa, Francesco Lollobrigida: tutti contagiati dal virus e asintomatici (per il momento). C’è un cluster alla Camera? Qualcuno sintetizza così la situazione: «Ormai Montecitorio è una roulette roussa»


La prima a dare l’annuncio questa mattina è stata Maria Stella Gelmini: «Anche io sono positiva al Covid», ha scritto sulla sua bacheca Facebook la capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati. «Tra poche ore avrei dovuto prendere un volo, per andare a Cosenza a dare l’ultimo saluto a Jole Santelli. E invece niente». Gelmini ha rassicurato a proposito delle sue condizioni di salute, ha detto di stare bene e di non aver alcun sintono: «Sono stata super attenta in queste settimane, ma questo virus è subdolo e pericoloso. Massima precauzione e rigore: le uniche ricette per sconfiggerlo». Poi ha concluso facendosi coraggio: «Supereremo anche questa».

Poi è stata la volta di Davide Crippa, anche lui contagiato, anche lui asintomatico. «Purtroppo sono risultato positivo al Covid-19 in seguito a test naso faringeo – ha scritto sul suo profilo Facebook intorno all’ora di pranzo il capogruppo M5s alla Camera – Volevo rassicurare tutti che sto bene e che sono stati attivati tutti i protocolli previsti».

Il capogruppo alla Camera di Fratelli d’Italia lo aveva invece già scoperto ieri, 15 ottore, di essere stato contagiato dal virus. Il tramite sarebbe stato il contatto con una persona poi rivelatasi positiva. Anche Francesco Lollobrigida ha precisato di aver osservato scrupolosamente tutti i protocolli anti-Covid e, nonostante ciò, di essere stato contagiato dal virus. «Voglio rassicurare tutti che sto bene e non presento alcun sintomo – ha scritto Lollobrigida sulla sua bacheca Facebook – Sono ovviamente in isolamento presso la mia abitazione dalla quale continuerò a lavorare come sempre. Vinceremo anche questa battaglia!».

C’è un focolaio alla Camera? Forse l’espressione più calzante in questo momento è quella usata dal deputato del Partito democratico Enrico Borghi che in un tweet sintetizza così la situazione: «Ormai Montecitorio è una roulette roussa».

Leggi anche: