Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Coronavirus, il vaccino di Oxford genera una forte risposta immunitaria negli anziani

di Redazione

Il Financial Times ha rivelato i nuovi progressi nella sperimentazione di uno dei vaccini più attesi nella lotta alla Covid-19

Il vaccino di Oxford contro il Coronavirus stimola anticorpi protettivi e cellule T negli anziani. Lo anticipa il Financial Times, parlando del vaccino in studio nell’Università inglese in collaborazione con AstraZeneca e le cui dosi verranno prodotte a Pomezia, nel laboratorio della società Irbm. A segnalare i risultati sono stati due esperti vicini alle fasi della sperimentazione, che hanno ora sottolineato come le risposte più incoraggianti arrivino tra il gruppo di persone più a rischio. Si tratta in ogni caso, specificano dal Financial Times, di test preliminari, che non danno la certezza di una soluzione finale e definitiva.


Quello con AstraZeneca è al momento il vaccino in studio che più fa ben sperare nella notta alla Covid-19. Già a luglio si era parlato di risposte robuste al vaccino tra adulti sani di età compresa tra i 18 e i 55 anni. «Nelle sperimentazioni di Fase 1 già pubblicate», ha detto a Omnibus su La7 Piero Di Lorenzo, presidente della Ibrm, «il vaccino evidenziava un’efficacia del 90% che con un richiamo può arrivare al 95%». Secondo Di Lorenzo, entro giugno del 2021 il 75% degli italiani «pronto a vaccinarsi» (stima calcolata dall’Istat) sarà riuscito a riceverlo.


A proposito dei tempi di distribuzione, il Centro europeo per il controllo delle malattie (Ecdc) ci va più cauto. L’accesso al vaccino anti-Covid, fanno sapere, almeno nella fase iniziale, sarà limitato. Per questo i paesi europei dovranno identificare tempestivamente i gruppi prioritari da vaccinare, suddividendoli su più livelli.

Foto di copertina: EPA/DAN HIMBRECHTS

Continua a leggere su Open

Leggi anche: