Arrestato il sindaco di Artena, il paese dei fratelli Bianchi

Era stato in prima linea dopo la morte di Willy, dimostrando solidarietà alla famiglia e partecipando a varie iniziative in ricordo del giovane. Al centro dell’inchiesta presunti episodi di corruzione

E’ stato arrestato il sindaco di Artena, il paese vicino a Roma finito al centro delle cronache a settembre. Ad Artena, infatti, vivevano i fratelli Bianchi, ora in carcere per l’omicidio del 21enne Willy Monteiro Duarte. Il sindaco del comune, Felicetto Angelini, si trova ai domiciliari. Arrestato anche un assessore. In totale sono 22 gli indagati. L’operazione dei carabinieri si è svolta stamattina all’alba.


Le indagini dei carabinieri della compagnia di Colleferro avrebbero fatto emergere una serie di reati, che vanno dalla concussione all’abuso di ufficio, passando per falsità ideologica in relazione all’approvazione del bilancio di previsione del Comune. Disposta la sospensione temporanea dai pubblici uffici nei confronti della segretaria comunale, del vice comandante della polizia locale e della responsabile dell’ufficio personale.

Sarebbero emersi anche casi di corruzione da parte del sindaco con un ex consigliere di minoranza e dell’assessore. Il sindaco di Artena era stato in prima linea dopo la morte di Willy, dimostrando solidarietà alla famiglia e partecipando a varie iniziative in ricordo del giovane.

Leggi anche: