Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

L’Isis ha rivendicato l’attentato di Vienna

di Redazione

Il sedicente Stato Islamico ha diffuso la foto di un uomo armato sui suoi canali Telegram

L’Isis ha rivendicato l’attentato a Vienna di ieri sera, 2 novembre, dove sono rimaste uccise almeno 4 persone e 22 sono rimaste ferite. In una dichiarazione sul gruppo Telegram dell’Amaq News Agency – considerato il suo principale organo di propaganda – l’Isis ha affermato che un uomo di nome Abu Dujana al-Albani, di cui ha allegato la foto, ha eseguito l’attacco terroristico con pistole e coltelli da «soldato del califfato». A darne notizia è la direttrice del Site, Rita Katz, specificando che al momento non c’è alcuna prova a dimostrazione del legame tra gli attentatori e il sedicente Stato Islamico. La foto, ha sottolineato Katz, «sembra coincidere con un’altra che circolava online subito dopo l’attacco».



Al momento, stando a quanto dichiarato dal ministro dell’Interno austriaco Karl Nehammer, non ci sarebbe una prova certa che i killer in azione fossero più di uno. L’uomo ucciso ieri è stato identificato con il nome di Fejzulai Kujtim, e definito vicino a una rete di jihadisti. Intanto prosegue la caccia ai fiancheggiatori: la polizia austriaca ha eseguito in giornata 14 fermi, mentre quella svizzera ha riferito di aver arrestato 2 uomini a Winterthur, nei pressi di Zurigo. Si tratta di due cittadini svizzeri di 18 e 24 anni che sarebbero collegati ai fatti di Vienna.

Foto copertina: EPA/FLORIAN WIESER

Continua a leggere su Open

Leggi anche: