Coronavirus, negli Usa mai così tanti ricoveri e contagi: in un giorno oltre 61 mila negli ospedali. In Iran nuova ondata di decessi: scatta il coprifuoco notturno

Aumenta la pressione sulle strutture ospedaliere negli Stati Uniti, dove nelle ultime 24 ore è stato registrato il dato più alto di ricoveri dall’inizio della pandemia. In Iran per un mese sarà in vigore un coprifuoco dalle 18 per evitare assembramenti in tutte le attività non essenziali

Usa

EPA/ETIENNE LAURENT | Un operatore sanitario effettua i tamponi per il Coronavirus in un centro temporaneo a Los Angeles

La nuova ondata dell’epidemia di Coronavirus si sta abbattendo sugli Stati Uniti con un doppio record che sta colpendo sia il fronte dei contagi che quello degli ospedali. Nelle ultime 24 ore, le nuove infezioni hanno superato per la prima volta quota 200 mila, secondo il conteggio della Johns Hopkins University, mentre negli ospedali americani non ci sono mai stati così tanti ricoverati per Covid-19. Con 61.964 nuovi pazienti in un giorno, il doppio da settembre, il numero complessivo di persone in ospedale ha superato quota 135 mila, come riportano i dati del Covid Tracing Project. Per risalire al peggior dato sul fronte ospedaliero bisogna tornare al 15 aprile, nel pieno della prima ondata, quando i ricoveri negli Usa sono stati 59.940. Un dato mai eguagliato neanche con l’ondata estiva.


L’attuale aumento preoccupa gli esperti, riporta il New York Times, perché a differenza dei precedenti in primavera ed estate che sono durati pochi giorni, in questo caso con l’inverno il numero di ricoveri potrebbe non calare rapidamente. Ad allarmare in particolare è la pressione sempre più forte sulle strutture ospedaliere in California, riporta il Guardian, dove i ricoveri sono cresciuti del 32% nelle ultime due settimane, del 30% sulle terapie intensive.

Iran

EPA/ABEDIN TAHERKENAREH | Una donna a Teheran per strada mentre indossa la mascherina

In Iran è scattato da martedì 10 novembre il coprifuoco notturno per tutte le attività commerciali e industriali a Teheran e in altre 30 città, dopo un tragico mese sotto il profilo dei decessi per Covid-19 che ha registrato per 10 giorni di fila picchi da record da quando è iniziata la pandemia. In totale nel Paese i morti per Coronavirus sono stati oltre 39 mila, mentre i contagi hanno superato i 703 mila, in continuo aumento giornaliero. Da ieri, scrive il Guardian, ristoranti, bar e tutte le attività non essenziali hanno l’obbligo di chiudere dalle 18 per tutto il prossimo mese.

Leggi anche: