Genova, agenti senza casco alla protesta dei lavoratori Arcelor Mittal. Un gesto «per smorzare la tensione» – Il video

Il gesto, come riportano a Open fonti della Questura di Genova, non aveva lo scopo di solidarizzare con i lavoratori come scritto da più parti

L’11 novembre, a Genova, i lavoratori di Arcelor Mittal hanno attraversato la città in un corteo organizzato dalla Fiom-Cgil e si sono diretti verso la prefettura, per protestare contro la decisione dell’azienda di inviare agli operai lettere di sospensione immediata dal lavoro: circa 250 quelle spedite finora. I poliziotti, schierati a protezione della sede territoriale del governo, a un certo punto si sono tolti i caschi, ricevendo l’applauso della piazza. Un gesto da molti interpretato come un segnale di «solidarietà», parola utilizzata anche dal sindacato di polizia Silp-Cgil sulla propria pagina Facebook.


Ma, come riportano a Open fonti della Questura di Genova, «non si è trattato di un gesto di solidarietà». Piuttosto «è stato un atteggiamento volto a smorzare le tensioni tra i manifestanti che pacificamente e legittimamente stavano manifestando, e verso i quali le forze della polizia presenti si facevano presidio di legalità per garantirne il diritto di manifestare».

Video: Twitter / @robertosaviano

Leggi anche: