Coronavirus, in Brasile impennata di vittime: 926 in 24 ore. In Portogallo situazione critica, il premier estende il lockdown e il coprifuoco

In Portogallo 49.000 aziende del settore alberghiero e della ristorazione hanno chiuso tra luglio e settembre. Il totale delle vittime in Brasile sale a 164.332. Resta uno dei Paesi più colpiti dall’epidemia con 5.783.647 di casi

Portogallo

Twitter | Il primo ministro del Portogallo António Costa

Il premier Costa: «La situazione è più grave e critica di quella vissuta nella prima ondata»

Anche in Portogallo si decide per l’inasprimento delle misure per arginare il dilagare di contagi da Coronavirus. Il premier Antònio Costa ha annunciato l’estensione del coprifuoco notturno e del lockdown, che era già in vigore nel fine settimana nel Paese in oltre 100 comuni, ad altre 77 aree così da provare a contenere la seconda ondata del virus.


«La situazione è più grave e più critica di quella che abbiamo vissuto nella prima ondata di pandemia», ha detto il primo ministro in conferenza stampa. I cittadini delle aree interessate dal blocco non potranno dunque uscire di casa tranne che per ragioni di prima necessità e dunque per lavoro, scuola o per fare la spesa durante la settimana.

Il coprifuoco resta in vigore tra le 23 e le 5 di mattina, mentre nel weekend resta tutto chiuso dalle 13 alle 5. Le uniche attività commerciali che continueranno ad operare sono gli alimentari e le farmacie. Chiusi, ovviamente, i ristoranti e i bar per i quali il governo ha provveduto a stanziare dei fondi. I ristoratori potranno infatti fare domanda per un risarcimento del 20% dei loro ricavi medi per compensare il reddito perso, ha detto il premier Costa in conferenza stampa.

Stando all’associazione che in Portogallo rappresenta il settore alberghiero e della ristorazione, sono 49.000 le società e le aziende che hanno chiuso tra luglio e settembre. Il Paese, con poco più di 10 milioni di persone, ha registrato 191.011 casi e 3.181 vittime – un bilancio per ora meno alto di altri Paesi europei – ma lo scorso weekend è stato raggiunto il picco dei contagi, con 6.640 nuovi positivi, e dunque il governo sta tentando di correre ai ripari.

Brasile

EPA/Fernando Bizerra | Sao Paulo, Brazil, 20 August 2020

Forte incremento di vittime, in totale sono 164mila

Continua a peggiorare drammaticamete il bilancio delle vittime e dei contagiati dal virus in Brasile. Nelle ultime 24 ore si è registrato un forte incremento di morti: sono 926 iu decessi legati al Covid-19, secondo la stampa locale. Si tratta del numero più alto di morti in un giorno dallo scorso 16 settembre. A questo punto, il totale delle vittime da inizio pandemia ha raggiunto quota 164.332. Le nuove infezioni registrate in un giorno sono invece 34.640. Il totale dei casi dall’inizio dell’emergenza sanitaria ha ormai raggiunto quota 5.783.647, facendo del Brasile uno dei Paesi più duramente colpiti dall’epidemia.

Leggi anche: