Sondaggio Masia, la crisi di governo? È un errore, ma raddoppia chi la dà ormai per scontata

di Giovanni Ruggiero

Elettori divisi in due tra chi considera la crisi di governo un errore in questo momento e chi invece la vede come inevitabile

Sono sempre di più gli italiani che considerano inevitabile lo scoppio di una crisi di governo. Nel giorno cruciale della verifica di governo, quando è previsto il faccia a faccia tra la delegazione di Italia viva e Matteo Renzi con il premier Giuseppe Conte, il sondaggio di Emg Acqua diffuso da Agorà su Raitre mostra da una parte la spaccatura degli elettori italiani sulle tribolazioni dell’esecutivo giallo-rosso, con il 46% che considera un errore l’arrivo di una crisi proprio ora, mentre il 43% pensa che sia un destino obbligato. L’opinione degli italiani è radicalmente cambiata negli ultimi sette giorni, visto che nel sondaggio di Masia di una settimana fa bocciava come un errore aprire una crisi di governo il 10% in più, mentre solo il 23% pensava che le proteste dei renziani portassero concretamente alla soglia della crisi di governo.


Leggi anche: