Morto Marco Formentini. È stato il primo (e unico) sindaco della Lega a Milano

L’ex primo cittadino aveva 90 anni ed era malato da tempo. Lasciò il partito fondato da Umberto Bossi nel 1999

Marco Formentini è morto oggi, 2 gennaio, all’età di 90 anni e dopo una lunga malattia. A darne notizia è Davide Boni, ex presidente del Consiglio Regionale della Lombardia. Formentini è stato il primo e unico sindaco della Lega nella storia di Milano, in carica dal 1993 al 1997. Era stato già deputato del partito fondato da Umberto Bossi e successivamente divenne anche eurodeputato. Lasciò la Lega nel 1999, appena dopo essere stato rieletto al Parlamento di Strasburgo. Aderì ai Democratici.


L’unico centro della Lega a Palazzo Marino

Nel 1993 la Lega era nata da appena un paio di anni e si presentava agli elettori ancora con il suo nome completo: Lega Nord per L’Indipendenza della Padania. Il partito era ancora ai suoi esordi e si stava dotando di una struttura dopo l’unione di diversi movimenti indipendentisti. La Lega non aveva fatto ancora un passaggio a palazzo Chigi, obiettivo raggiunto solo nel 1994 con il primo governo Berlusconi. Eppure, quell’anno riuscì a mettere a segno un colpo mai più ripetuto: far eleggere un suo esponente come sindaco di Milano.

Formentini spezzò infatti una lunga catena di sindaci socialisti, otto dall’elezione di Antonio Greppi nel 1946. Riuscì a battere al secondo turno la coalizione di centro-sinistra guidata da Nando Dalla Chiesa, figlio del generale Carlo Alberto Dalla Chiesa. Alle elezioni successive, nel 1997, Formentini corse ancora con la Lega, ma questa volta a vincere fu Gabriele Albertini, esponente di Forza Italia. Albertini rimase a Palazzo Marino fino al 2006.

Foto di copertina: ANSA / LOMBARDI | Umberto Bossi e Marco Formentini durante un comizio della Lega Nord in Piazza Duomo a Milano il 22 giugno 1992

Leggi anche: