Covid, Ricciardi: «Serve un lockdown di un mese. A febbraio rischiamo di arrivare a 95 mila morti»

Il consulente del Ministero della Salute ha sconsigliato anche un ritorno alle urne: «Pensare di andare a votare in queste condizioni è folle»

Il consulente del Ministero della Salute, Walter Ricciardi, è ancora critico sulle decisioni del governo di non attuare un lockdown diffuso sul territorio nazionale. In un’intervista rilasciata ai microfoni de L’Aria che tira, ha dichiarato che se non ci fermeremo per almeno un mese «avremo 95 mila morti da Coronavirus entro fine febbraio». Un numero che metterebbe a rischio tanto la campagna di vaccinazioni. «Dobbiamo limitare la circolazione del virus – ha detto Ricciardi – altrimenti anche gli assembramenti provocati dalle vaccinazioni potrebbero diventare dei momenti di contagio». Il consigliere di Roberto Speranza ha detto di aver ribadito più volte la necessità di restrizioni più rigide, ma che per ora la linea dell’esecutivo sembra puntare su altre soluzioni.


«Io posso consigliare – ha sottolineato – ma non sono io che prendo le decisioni. Ma posso dire che pensare di andare a votare in queste condizioni è folle». Ricciardi ha anche sottolineato l’importanza di accelerare il ritmo di somministrazione. «I vaccini sono efficaci anche nei confronti delle varianti del Covid – ha ribadito – e a maggior ragione dobbiamo andare più veloci con le somministrazioni per proteggere quante più persone possibili».

Immagine di copertina: ANSA / CIRO FUSCO

Leggi anche: