Altra mazzata al piano sui vaccini, Arcuri: «Anche Moderna taglia del 20%: così la vaccinazione di massa è molto difficile» – Il video

Nella settimane del 9 febbraio arriveranno in Italia 132 mila dosi invece che 166mila dalla società americana. Il commissario straordinario si abbandona allo sconforto: «Le aziende non rispettano né i patti né i contratti»

Dopo Pfizer e Astrazeneca, è la volta di Moderna. L’azienda produttrice del vaccino anti Covid annuncia un taglio nelle consegne del vaccino del 20%. Ad riferirlo in conferenza stampa è il Commissario per l’emergenza Domenico Arcuri: «Il nostro stupore, la nostra preoccupazione e il nostro sconforto aumentano, ormai quasi ogni giorno le previsioni subiscono una rettifica». Nella settimana del 9 febbraio arriveranno 132 mila invece che 166 mila. Solo pochi giorni fa Astrazeneca aveva annunciato la riduzione del 60% di fornitura in meno, ancora prima i ritardi di Pfizer, oltre il 30%, avevano provocato rallentamenti in tutte le Regioni d’Italia.


A questo proposito il commissario Arcuri ha comunicato la cifra preoccupante di «300 milioni di dosi» attualmente mancanti per la campagna vaccinale italiana. «Le avremmo dovuto ricevere ma non le abbiamo ricevute, le aziende non rispettano né i patti né i contratti» ha continuato il Commissario, «sarà molto difficile poter iniziare la campagna di massa se non ci sono i vaccini». Il riferimento di Arcuri è anche ai padiglioni per le somministrazioni la cui realizzazione è stata già rimandata.

«Ora l’obiettivo è di farmaci autoctoni»

Lo scenario disegnato dal Commissario è quello di una nuova strategia, «più autoctona», mirata a rinforzare la rete di ricerca e sviluppo dell’Italia. Un tentativo che continuerà a sostenere un’azione comune europea ma che, secondo quanto spiegato da Arcuri, penserà da ora in poi a investire ancora di più sulle risorse presenti “in casa”. Il riferimento è soprattutto al vaccino Reithera, «un farmaco molto promettente su cui impiegheremo tutti i nostri sforzi» ha spiegato il Commissario.

La conferenza stampa di Domenico Arcuri

Leggi anche: