Sfuma il sogno di Luna Rossa, la Coppa America resta ad Auckland: New Zealand chiude la sfida 7-3

La barca italiana, condotta da Francesco Bruni e James Spithill, ci ha creduto fino alla fine. Il sogno dell’America’s Cup di vela si è spento alla sesta regata

È bastata la decima gara delle tredici programmate all’equipaggio di New Zealand per vincere ancora una volta l’America’s Cup e respingere l’assalto di Luna Rossa. Una gara da brividi in cui i kiwi hanno inflitto un 7-3 agli italiani che, specialmente nelle ultimissime sfide, non ha avuto grande fortuna. La barca italiana, condotta da Francesco Bruni e James Spithill, ci ha creduto fino alla fine, sperava nella vittoria e ce l’ha messa tutta, nonostante si trattasse di un’impresa quasi impossibile. Il sogno di fare la storia dello sport mondiale si è spento alla sesta regata.


Luna Rossa perde a testa alta

I neozelandesi hanno mostrato di aver acquisito grande padronanza della barca (si parla di un monoscafo AC75 lungo circa 23 metri) imponendo di fatto i propri ritmi. Batterli sarebbe stato difficile. Luna Rossa, però, non ne esce del tutto sconfitta da questa competizione (o comunque lo fa a testa alta): da una parte hanno vinto la Prada Cup, la prima della storia, dall’altra hanno dato filo da torcere ai detentori senza considerare poi il grande spettacolo regalato agli italiani ai tempi della pandemia del Coronavirus.

Foto in copertina: GILLES MARTIN-RAGET/AFP | ANSA

Leggi anche: