Un mese di violenze, soprusi e paura. La storia di una donna di Monza intrappolata dal revenge porn

L’aguzzino, un uomo di 46 anni, è stato arrestato dopo la denuncia della donna, ormai stremata. In carcere ha ricevuto un’altra ordinanza di custodia cautelare: era stato denunciato persino dall’ex moglie (e sempre per violenza sessuale)

I carabinieri hanno messo fine al suo incubo. Una donna di 51 anni, infatti, in queste settimane sarebbe stata costretta, con narcotici, a subire violenze sessuali, ripresa peraltro da una videocamera, da parte di un uomo di 46 anni di Brugherio (Monza). Arrivata in ospedale, dopo essere stata vista in cortile smarrita e in preda a un malore a causa delle medicine prese, ha raccontato tutto ai militari. Poi, però, minacciata di revenge porn, è tornata dall’uomo per evitare che potesse diffondere quei filmati in rete e ha subito un’altra violenza sessuale (sempre dopo essere stata drogata).


L’ultimo stupro

L’uomo, alla fine, è stato arrestato – con le accuse di sequestro di persona, violenza sessuale e revenge porn – grazie all’allarme lanciato dai vicini di casa. I carabinieri sono intervenuti immediatamente e hanno trovato la 51enne a terra, stordita dai farmaci e impossibilitata a muoversi a causa delle violenze appena subite. Immediato il trasferimento alla clinica Mangiagalli di Milano per tutte le cure del caso.

Anche l’ex moglie lo aveva denunciato

E non è finita qui. Una volta arrestato, l’uomo ha ricevuto in carcere un’altra ordinanza di custodia cautelare, emessa dal gip di Monza, per violenza sessuale, maltrattamenti in famiglia e revenge porn, stavolta ai danni della sua ex moglie. La donna lo aveva denunciato a metà marzo, dopo essere scappata di casa.

Foto in copertina: Freepik

Leggi anche: