Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Alta tensione nel cuore di Roma: cariche e bombe carta alla manifestazione dei ristoratori – Il video

Nuovi scontri dopo le proteste di una settimana fa. Il sit-in di IoApro non è stato autorizzato dalla Questura. Alcuni militanti di Casapound si sono uniti agli esercenti che vogliono raggiungere la Camera

Dopo la manifestazione di una settimana fa, ristoratori e commercianti di IoApro sono tornato in piazza a Roma per protestare contro le misure restrittive del governo. La Questura ha formalmente vietato il sit in di protesta perché «la piazza era stata già concessa e quindi occupata da un’altra manifestazione regolarmente preavvisata nei giorni precedenti». Inoltre, la piazza prevede una capienza massima di massimo 100 persone, nel rispetto delle norme anti-Covid: un numero nettamente inferiore rispetto ai manifestanti presenti. Ma gli organizzatori della protesta non intendono fare marcia indietro.


ANSA/ANGELO CARCONI | I partecipanti alla manifestazione organizzata a Piazza San Silvestro dal movimento IoApro si confrontano con le forze dell’ordine schierate in tenuta antisommossa, Roma, 12 aprile 2021

Carica della polizia a piazzale Flaminio

Un gruppo di manifestanti di IoApro, che aveva bloccato il traffico sul Muro Torto (muro che corre parallelo a un pezzo di villa Borghese), è stato caricato dalle forze dell’ordine a piazzale Flaminio. Altri manifestanti si stanno ora muovendo su via del Corso in direzione piazza del Popolo, per ricongiungersi al primo gruppo.


In piazza c’è anche Casapound

I manifestanti sono giunti in via dei Prefetti, a poca distanza da Montecitorio, sede della Camera dei deputati. A sbarrare loro la strada un cordone delle forze dell’ordine. «Dobbiamo arrivare a piazza Montecitorio, ma dobbiamo farlo in modo pacifico», ha detto uno degli organizzatori della protesta. Intanto alcuni militanti di Casapound si sono uniti agli esercenti. Molti di loro non indossano la mascherina e urlano: «Riaperture subito!».

Gli scontri tra manifestanti e polizia

ANSA/ANGELO CARCONI | Alcuni partecipanti alla manifestazione organizzata a Piazza San Silvestro dal movimento IoApro si confrontano con le forze dell’ordine schierate in tenuta antisommossa, Roma, 12 aprile 2021

I primi gruppi di manifestanti si sono radunati in piazza San Silvestro, dove si sono registrati momenti di tensione con lancio di bottiglie, bombe carta e petardi contro le forze dell’ordine schierate in tenuta antisommossa. Secondo quanto riferito dall’agenzia Dire, un agente in borghese sarebbe stato ferito dal lancio di una bottiglia, per poi essere soccorso dai colleghi. I manifestanti, alcuni con manette e mani alzate, hanno chiesto di potersi spostare verso piazza Montecitorio, al grido di «Fateci passare, fateci passare». Blindati e idranti sono schierati in varie strade del centro.

Diverse pattuglie della Polizia locale sono impegnate nelle chiusure dell’area attorno a piazza di Montecitorio. I manifestanti intonano cori «Libertà! Libertà!» e ribadiscono: «Non siamo partite Iva, siamo persone, siamo famiglie, non siamo delinquenti, siamo persone che lavoravano 14 ore al giorno». Mentre un altro aggiunge: «Ci negano anche il diritto di manifestare. È stata un’impresa arrivare qui».

Il centro di Roma blindato

ANSA/GIUSEPPE LAMI | Presidi delle forze dell’ordine per manifestazione non autorizzata #IoApro, Roma, 12 Aprile 2021

Il programma, secondo quanto scritto dai promotori sulla pagina Facebook di IoApro, è quello di «circondare il Parlamento in maniera pacifica e li costringeremo a uscire dal palazzo». Nel mentre, piazza Montecitorio è stata blindata dalle autorità che presidiano il largo con camionette e agenti. Parallelamente sono scattati i controlli nelle stazioni, negli aeroporti e sulle principali arterie stradali che portano alla Capitale che hanno portato al blocco di 13 persone alla stazione di Termini e di almeno 12 pullman nella zona Nord di Roma, stando a quanto riferito dagli organizzatori.

Foto in copertina: ANSA/ANGELO CARCONI
Video: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

Leggi anche: