Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

«Sono fiera del mio corpo»: la (nuova) rivoluzione di Billie Eilish – Le foto

L’artista si è raccontata in un’intervista esclusiva all’edizione britannica del magazine «Vogue», presentando il suo nuovo singolo «Your Power»

«Il rispetto non va tolto se decidi di mostrare il tuo corpo, dipende tutto da cosa ti fa sentire bene». La cantante Billie Eilish ha maturato una rottura stilistica che l’ha portata dal nascondersi in abiti larghi a mostrare il proprio corpo su una copertina. «Un corpo di cui vado fiera», afferma l’artista 19enne in un’intervista esclusiva a Vogue Uk dove ha presentato il suo nuovo singolo Your Power e parlato della sicurezza acquisita dopo i successi ottenuti dall’inizio della sua carriera. La bodypositive mostrata in copertina dalla vincitrice di 7 Grammy Award segna un cambio di rotta intrapreso dall’artista, non solo dal punto di vista dell’immagine.


«Mi sento molto vulnerabile ad aver pubblicato questo brano», ha detto Eilish parlando della sua musica, che resta al passo con il contenuto contemporaneo e profondo degli esordi. «Ho custodito questa canzone a lungo nel mio cuore perché racconta situazioni molto differenti che tutti noi abbiamo provato o visto. Spero possa ispirare un cambiamento: è un invito a provare a non abusare del tuo potere». Nell’articolo dove si racconta, la cantante americana è ritornata sugli abusi ricevuti in passato, filo che la riporta dal brano, ispirato proprio a una relazione malata, alla realtà a cui dice di essersi ispirata.


«L’abuso è ovunque, la stessa canzone non si riferisce a un caso unico o al solo ambiente musicale che vivo. Non conosco donna che non abbia ricevuto molestie o vissute strane esperienze. Vale anche per gli uomini. C’è un problema nella società », aggiunge Eilish, che regala un monito alle sue lettrici e lettori: «Non c’è nulla che possa portare qualcuno ad avere un vantaggio su di te. Spesso accade che solo dopo si realizza ciò che si sta vivendo, e ti accorgi della posizione umiliante che vivi a causa di un modo di pensare».

Leggi anche: