Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Tutta l’Italia (tranne la Valle d’Aosta) verso la zona bianca dal 21 giugno. Lunedì tocca a Liguria, Umbria, Veneto e Abruzzo

Il 14 giugno sarà la volta di Lombardia, Lazio, Piemonte, Puglia, Emilia-Romagna e Provincia autonoma di Trento. Entro il 28 giugno l’Italia intera dovrebbe diventare bianca

Con i dati che fotografano un miglioramento generale della situazione epidemiologica nel Paese, tutte le regioni, eccetto la Val d’Aosta, potrebbero tornare in zona bianca dal prossimo 21 giugno. L’ipotesi sarà al vaglio dalla Cabina di regia, riferisce Repubblica, alla luce dell’abbassamento dei dati sui contagi da Covid e del numero di posti letto occupati nelle terapie intensive degli ospedali. Attualmente, le regioni già in zona bianca sono Molise, Friuli Venezia Giulia e Sardegna. L’intero Paese, compresa la Valle d’Aosta, potrebbe diventare bianco a partire dal 28 giugno.


I passaggi in bianco del 7 e del 14 giugno

Salvo capovolgimenti del quadro epidemiologico, da lunedì 7 giugno torneranno in bianco Liguria, Umbria, Veneto e Abruzzo. Il 14 giugno compieranno il passaggio in bianco anche Provincia di Trento, Lombardia, Lazio, Piemonte, Puglia ed Emilia-Romagna. Nelle regioni in zona bianca sarà anticipata la riapertura di una serie di attività, dalle sale giochi ai centri benessere, passando per le piscine, la cui ripartenza era stata fissata per il primo luglio.


Continua a leggere su Open

Leggi anche: