Dalle giovanili del Sassuolo all’Europeo: la favola di Raspadori, convocato in extremis da Mancini e cercato ora da Milan e Inter

La doppietta ai rossoneri, il gol a cinque minuti dal 90esimo alla Roma, la fascia da capitano. Per il 21enne attaccante neroverde la convocazione in Nazionale è la ciliegina sulla torta di una stagione perfetta

Quella di Giacomo Raspadori è stata una convocazione dell’ultimo minuto. Il 21enne attaccante del Sassuolo è stato preferito a Moise Kean nella lista finale dei 26 di Roberto Mancini per l’Europeo, al via il prossimo 11 giugno. Raspadori si è trovato così nel giro di pochi minuti catapultato nei ranghi della Nazionale Maggiore, dopo le presenze con l’Under 21. Ma la convocazione in extremis è anche il risultato di quanto fatto vedere in stagione dal 21enne neroverde. Raspadori ha messo in mostra una grande capacità di entrare a metà gara e cambiare l’inerzia delle partite. L’aveva fatto con il Milan quando, da subentrato, aveva ribaltato il match. Un uno-due fulminante. Insomma, Raspadori è un po’ l’uomo dell’ultimo minuto. Nel giro di pochi mesi, Raspadori si è guadagnato con il Sassuolo anche la fascia di capitano, indossata per la prima volta ad aprile nella partita con la Roma. Anche i giallorossi sono state vittime illustri del giovane attaccante che è riuscito a riacciuffare la Roma a cinque minuti dal novantesimo. Raspadori ha messo la sua firma anche nell’1-3 subito dal Sassuolo nel match casalingo con la Juventus del 12 maggio.


Una Nazionale a tinte neroverdi

Solo due anni fa, l’attaccante 21enne era ancora parte della squadra Primavera del Sassuolo. Ma le sue abilità avevano convinto l’allenatore Roberto De Zerbi a portarlo in prima squadra. Una squadra, quella neroverde, che ha avuto il merito in queste otto stagioni consecutive in Serie A di portare avanti un progetto che ha dato alla Nazionale del Mancio, oltre a Domenico Berardi e Manuel Locatelli, anche gli ex Sassuolo Lorenzo Pellegrini, Stefano Sensi e Francesco Acerbi, ora rispettivamente giocatori di Roma, Inter e Lazio.


Si muove il calciomercato

Ora alcuni top club italiani, e anche qualche squadra europea, hanno messo gli occhi su Raspadori. Ci sono voci di un interessamento da parte di Milan e Inter. Nel derby meneghino potrebbero inserirsi anche Marsiglia e Lipsia. Ma c’è tempo per aprire i tavoli del calciomercato. E anche se la chiamata di Raspadori è già stata paragonata a quella di Totò Schillaci, che a sorpresa diventò l’eroe di Italia ’90, per ora l’attaccante del Sassuolo si gode le sue “notti magiche”, con la certezza che l’11 giugno comincerà anche per lui l’avventura dell’Europeo.

Leggi anche: