Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Euro 2020, le giovani stelle da tenere d’occhio. Da Donnarumma a Foden: ecco la formazione di Open

Alcuni sono esordienti, altri già affermati. E vogliono lasciare il segno al prossimo Europeo

Sono giovani, talentuosi e con stagioni più o meno esaltanti alle spalle. Alcuni di loro sono all’esordio in una competizione importante come l’Europeo di calcio, altri hanno già dimostrato il loro valore sul campo sia con le rispettive nazionali che con i club di provenienza. Tutti hanno fame e possono fare nel torneo continentale il salto di qualità definitivo. Parliamo delle giovani stelle da seguire a Euro 2020, che Open ha messo in campo in una squadra la cui età media è di 23 anni e sei mesi per una valutazione di mercato (dati Transfermarkt) che supera i 770 milioni di euro. Non mancano le assenze illustri, come quella di Erling Haaland, la cui Norvegia non si è qualificata, e quella di Kylian Mbappé, che è fuori categoria.


Portiere: Gigi Donnarumma (ITA)

ANSA/TONY VECE | Gianluigi Donnarumma durante l’amichevole Italia-Francia allo stadio San Nicola di Bari, 1° settembre 2016

«Mercenario», «traditore», «ingrato», sicuramente «fenomeno». La si può pensare in ogni modo perché, al di là delle questioni mosse dal suo sempre più probabile trasferimento al Psg, Gianluigi Donnarumma è il portiere che difenderà i pali della nostra squadra di giovani. Lo farà per il talento e le capacità tecniche e fisiche che da quando ha 16 anni lo hanno aiutato a imporsi e che oggi gli danno l’occasione di giocarsi, da esordiente, un posto nel Pantheon dei grandi calciatori del Vecchio continente. Sarà lui a difendere la porta della Nazionale italiana, a 22 anni prende il posto di Gianluigi Buffon in un Paese dove – se di ruolo sei portiere – di colleghi in grado di soffiarti il posto ce ne sono tanti.


Terzino destro: Joshua Kimmich (GER)

EPA-ANSA /SASCHA STEINBACH | Joshua Kimmich impegnato in una azione dell’amichevole a Duesseldorf tra Germania-Lituania, 7 giugno 2021

Sulla corsia destra di difesa abbiamo scelto il tedesco Joshua Kimmich. Atletico, veloce e soprattutto tecnico è un giocatore di sostanza ed eleganza, il nostro fuori quota, il più stagionato dei nostri giovani (ha 26 anni), ma anche uno tra i più vincenti. Con il suo Bayern Monaco ha vinto praticamente tutto e nel palmares della Fußball-Bund ha già aggiunto un Europeo under-19. Punta a vincere un’edizione del torneo continentale sia nella selezione giovanile che in quella maggiore.

Difensore centrale: Matthijs de Ligt (NED)

EPA-ANSA/MAURICE VAN STEEN |Matthijs de Ligt durante una seduta di allenamento della Nazionale olandese a Zeist, 7 giugno 2021

Matthijs de Ligt ha dimostrato fin dal primo momento le sue doti fuori dall’ordinario. Ha iniziato a 19 anni con l’Ajax, buttando fuori Real Madrid e Juventus dalla Champions League e fermandosi solo in semifinale, e continua a 21 anni, in forza ai bianconeri, dove in una stagione difficile ha comunque rasserenato tutti circa le prospettive di crescita e il livello attuale. Dotato di una fisicità e di una forza fisica importanti, abbiamo scelto lui per rappresentare, insieme a un altro simbolo che scopriremo più avanti, il ritorno del calcio olandese dopo la doppia assenza Oranje da Mondiale ed Europeo. Siamo sicuri che non farà rimpiangere Virgil van Dijk.

Difensore centrale: Alessandro Bastoni (ITA)

ANSA/MATTEO BAZZI | Alessandro Bastoni contro Roberto Soriano nel match Inter-Cagliari del 5 dicembre scorso

È trascorso poco tempo dalla prima volta di Alessandro Bastoni in maglia Azzurra. In quell’occasione marcò Lewandowski con una prestazione magistrale per un esordiente. Nel tempo sono arrivati gli elogi grazie alle prestazioni sempre più convincenti, caratterizzate da capacità di giocare di anticipo, di inserirsi e di trattare il pallone con qualità. Bastoni arriva alla sua prima convocazione in un Europeo come un possibile sostituto di lusso e in molti lo preferirebbero al posto di uno tra i titolari nella formazione di Roberto Mancini. Comunque andrà contiamo sul fatto che il cremasco, che si è fatto le ossa tra Atalanta e Parma prima di laurearsi campione d’Italia da protagonista con l’Inter, farà valere il suo talento indubbio.

Terzino sinistro: Andrew Robertson (SCO)

EPA-ANSA/ROBERT PERRY | Andrew Robertson in anticipo su Thorgan Hazard durante l’amichevole Scozia-Belgio a Glasgow, Hamden Park, 7 September 2018

Sulla fascia sinistra Andrew Robertson prende il posto del compagno di squadra Trent Alexander-Arnold, rimasto infortunato a Wembley durante l’ultima amichevole della selezione inglese contro l’Austria. Avremmo scelto Alexander-Arnold perché piaceva l’idea di vedere uno dei più tecnici e intelligenti calciatori della sua generazione all’opera in uno scenario così importante. Robertson, tuttavia, non è stato da meno dando negli ultimi anni quantità e strapotere fisico sulla corsia del Liverpool. Scegliamo lui, il capitano della Scozia, mancino e originario di Glasgow, per credere in una sorpresa dai motivi tartan ai prossimi europei.

Mezzala destra: Nicolò Barella (ITA)

ANSA/ELISABETTA BARACCHI | Nicolò Barella in azione contro l’Irlanda del Nord durante l’incontro al Tardini di Parma valevole per la qualificazione ai prossimi Mondiali del Qatar

Nicolò Barella è probabilmente il miglior centrocampista italiano in questo momento. Il suo exploit a Cagliari è proseguito con il passaggio alla sua squadra del cuore, l’Inter, dove si è confermato a livelli altissimi. Ha dimostrato dal primo ingresso a San Siro di essere un giocatore completo, in grado di recuperare, spezzare i tempi e giocare palla al piede per creare superiorità. Ha grandi doti di interdizione, ma non disdegna gli inserimenti offensivi. In coppia con Jorginho ha possibilità di giocarsi l’Europeo da titolare fisso. Inamovibile anche per noi.

Centrocampista centrale: Frenkie de Jong (NED)

EPA-ANSA/MAURICE VAN STEEN | Frenkie de Jong durante un’amichevole tra Olanda e Georgia a Enschede, 6 giugno 2021

Abbiamo detto del ritorno dell’Olanda nel calcio che conta. Ecco, il verbo degli Oranje, ovvero quel calcio totale professato negli anni Settanta da Johann Crujiff, è reincarnato in questo ragazzo delle campagne di Arkel: Frenkie de Jong. Non una scelta casuale, dato che con Ajax e Barcellona, club fautori di un gioco fatto di possesso, spaziature e duttilità, ha dimostrato di essere fondamentale per una costruzione intelligente, creativa e precisa. La rinascita di una delle selezioni più affascinanti, ma anche meno vincenti tra le big della storia del calcio, passa dai suoi piedi. La vittoria pure.

Mezzala sinistra: Scott McTominay (SCO)

EPA-ANSA/ALEKSANDRA SZMIGIEL | Scott McTominay in azione contro due avversari durante la finale di Europa League persa contro il Villareal, 26 maggio 2021

Pur essendo nato a Lancaster, nel cuore dell’Inghilterra, ci piace pensare che un pizzico dello spirito gaelico lasciato a Manchester da Sir Alex Ferguson sia stato impersonificato da questo ragazzo. Di passaporto scozzese dal 2018, Scott McTominay ha rappresentato un’ancora di salvezza per lo United in tempi oscuri dove Paul Pogba non c’era e Bruno Fernandes non era ancora nel mirino dei Red Devils. Che poi è quello che ha mostrato di nuovo nella finale di Europa League persa contro il Villareal, dove è stato tra i pochi della sua squadra a riuscire a giocare a calcio seminando il panico tra gli spagnoli. Il suo merito è stato anche quello di portare forza e dribbling in mezzo al campo. E in un Nazionale, quella scozzese, che dell’arrembaggio dovrà fare la sua arma in più, questo ragazzo potrebbe fare la differenza.

Ala destra: Kai Havertz (GER)

EPA-ANSA/JOSE COEHLO | Kai Havertz segna il gol decisivo nella finale inglese di Champions League per il Chelsea e il Manchester City, 29 maggio 2021

In molti non saranno d’accordo. «Meglio Sancho», «Dov’è Joao Felix?». Noi abbiamo convocato lui perché ha vinto la Champions League segnando l’unico e decisivo gol utile a riportare sul tetto d’Europa il Chelsea. Kai Havertz ha dimostrato di essere in grado di farsi trovare pronto quando conta, vincendo al suo primo anno in un grande club. Con la Germania potrebbe trovare poco spazio, ma come detto il 21enne tedesco sa trovare il suo momento.

Punta centrale: Marcus Rashford (ENG)

EPA-ANSA/IAN WALTON | Marcus Rashford segna dal dischetto il primo gol dell’incontro di Nations League tra Inghilterra e Belgio, 11 ottobre 2020

Se la Norvegia si fosse qualificata per gli Europei, Haaland avrebbe messo a serio rischio la sua titolarità nell’undici di Open. La prestazione di Marcus Rashford nella finale di Europa League persa dal Manchester United contro il Villareal è stata deludente. Ma il giocatore non si discute. Rashford è anche un ragazzo in grado di concentrare il dibattito pubblico in patria sul ruolo del calcio nei processi educativi e di equità sociale. Ed è finito sulla copertina di Time anche per quello che porta sul campo. Le sue doti tecniche lo rendono il giocatore duttile di cui nel calcio contemporaneo si fatica a rinunciare. Sarà lui a guidare lui l’attacco dell’Inghilterra, e della nostra selezione.

Ala sinistra: Phil Foden (ENG)

EPA-ANSA/DAVID RAMOS | Phil Foden pressato da Jorginho durante la finale di Champions League tra Manchester City e Chelsea vinta dai Blues, 29 maggio 2021

Phil Foden è il giocatore inglese più talentoso della sua generazione. Ha vinto, ha perso (una Champions), questo classe 2000 rischia di bruciare le tappe. Foden è testimone di un successo che è anche legato allo spirito del calcio d’Oltremanica. Nato e cresciuto a Stockport, nei sobborghi della Greater Manchester, sta iniziando a rappresentare, anche sul piano commerciale, il legame tra un calciatore e una città come è stato per pochi casi in questo sport. Foden è “uno di noi che ce l’ha fatta” per i suoi concittadini (che come lui tifano City, beninteso) ed è anche il mancino naturale – capace di incidere da dentro e fuori l’area – sul quale ricadono parte delle speranze dell’Inghilterra, che chiede ai suoi talenti di riportare i Tre Leoni sopra a tutti.

Progetto grafico di Enzo Monaco

Leggi anche: