Concorsi pubblici, la guida di Open per i giovani: ecco tutti quelli in corso (e come candidarsi)

Dai funzionari nella giustizia amministrativa ai marescialli nelle Forze armate, dal personale per musei e biblioteche agli infermieri: scadenze e regolamenti dei concorsi attivi

Il 2021 e il 2022 sono gli anni dei concorsi pubblici. Diversi quelli già banditi – alcuni già cominciati, come quello del Concorso per il Sud in cui si ricercavano, invano, 2.800 unità nel Mezzogiorno da inserire subito nella pubblica amministrazione – e tanti altri che verranno banditi nei prossimi mesi. Intanto, sono diverse le opportunità di lavoro da non lasciarsi sfuggire, specialmente in un periodo di grave crisi occupazionale dove i più colpiti, come sempre, sono i giovani. Si parte dal concorso per la giustizia amministrativa a quello per marescialli nelle Forze Armate fino ai funzionari per musei e biblioteche. Ve ne proponiamo alcuni, i più importanti.


Concorso giustizia amministrativa: 168 posti a tempo determinato

Il primo grande concorso attivo è quello per la ricerca di 120 funzionari amministrativi, 7 funzionari informatici, 3 funzionari statistici e 38 assistenti informatici per il supporto delle linee di progetto di competenza della Giustizia amministrativa. Contratti a tempo pieno e determinato della durata di 30 mesi. Prevista una selezione per titoli (che sostituisce, di fatto, la preselettiva) e una prova scritta (dall’11 al 14 ottobre). I 120 funzionari amministrativi prenderanno servizio presso il Consiglio di Stato e i tribunali amministrativi regionali del Lazio, Lombardia, Veneto, Campania e Sicilia. Richiesta la laurea. La domanda si può presentare entro e non oltre il 5 agosto 2021, solo in modalità telematica tramite il sito istituzionale della Giustizia amministrativa. Necessario lo Spid e il versamento di un contributo di 10 euro. La preselettiva viene sostituita dalla valutazione dei titoli.


Concorso per 120 allievi commissari nella Polizia penitenziaria

Il ministero della Giustizia è alla ricerca di 120 allievi commissari per la Polizia penitenziaria. I vincitori verranno ammessi ai corsi di formazione dalla durata di due anni finalizzati all’assunzione. Per partecipare bisogna essere in possesso della laurea (Giurisprudenza o lauree magistrali in scienze delle pubbliche amministrazioni, scienze della politica o dell’economia) e non aver superato i 32 anni di età. Le prove previste sono quattro: scritta, orale, accertamenti psico-fisici e attitudinali. In base al numero di domande pervenute, potrà essere predisposta anche una preselettiva. Ci si potrà candidare attraverso questa pagina (necessario essere in possesso dello Spid) entro e non oltre il 12 agosto 2021. 

Concorso per 37 marescialli nelle Forze Armate

C’è tempo fino al 2 agosto 2021, invece, per candidarsi come marescialli in Esercito, Marina ed Aeronautica. Nello specifico si cercano 37 marescialli di cui 12 per l’Esercito, in servizio permanente con la specializzazione sanità (e con incarico principale di infermieri); 15 per la Marina militare, in servizio permanente nelle categorie Specialisti del Sistema di Combattimento Ricercatori elettronici e Servizio Sanitario del Corpo equipaggi militari marittimi (7 sono posti da infermieri); 10 invece sono i marescialli ricercati per l’Aeronautica militare per la Categoria Supporto, Specialità Sanità, Qualifica Operatore Sanitario (dai tecnici audiometristi ai tecnici di radiologia medica fino agli infermieri). Il limite d’età, per i marescialli, è quello dei 32 anni non compiuti. La domanda va presentata, in via telematica, sul portale dei concorsi online del sito della Difesa. Anche in questo caso serve dotarsi di Spid, carta nazionale dei servizi (CNS) o carta d’identità elettronica (CIE). Previste una prova scritta, un accertamento psicofisico del candidato, una prova di idoneità attitudinale, una prova orale e una di valutazione dei titoli di merito.

Concorso a Genova per funzionari per musei e biblioteche

Tempo pieno e indeterminato a Genova per la ricerca di 4 laureati con il ruolo di funzionari per musei e 3 per biblioteche. Vengono richieste lauree specifiche, come quella in Antropologia culturale ed etnologia o Archeologia o Architettura del paesaggio. C’è tempo fino al 26 luglio 2021 per presentare la domanda che va redatta esclusivamente online sul sito del comune di Genova. Prevista una prova scritta e una orale, la preselettiva verrà fatta solo se necessario. La valutazione dei titoli dovrebbe avvenire dopo lo svolgimento della prima prova.

Comune di Caltanissetta, 18 diplomati e laureati

Per il comune di Caltanissetta si cercano 18 persone a tempo indeterminato come istruttori direttivi amministrativi contabili (n. 4), istruttori amministrativi contabili (n. 6) e istruttori tecnici (n. 8). Previste alcune riserve a favore del personale interno e dei volontari delle Forze armate. Per la prima figura viene richiesta la laurea triennale di primo livello o specialistica/magistrale o diploma di laurea di vecchio ordinamento; per la seconda diploma di scuola secondaria di secondo grado; per la terza diploma di scuola media secondaria di secondo grado, rilasciato da un istituto tecnico. C’è tempo fino al 25 luglio 2021 per presentare la domanda. Previste solo prove scritte ma anche una orale per gli istruttori direttivi amministrativi contabili. Per candidarsi clicca qui.

Università La Sapienza di Roma, 18 amministrativi

Anche l’Università Roma La Sapienza ha bandito un concorso per 18 amministrativi destinato a diplomati e laureati, a tempo indeterminato. Si tratta di 8 persone nell’area amministrativo-gestionale per le esigenze dell’università e per i quali è richiesto un diploma di laurea vecchio ordinamento o laurea specialistica o laurea magistrale; e 10 per l’area amministrativa per i quali serve un diploma di istruzione secondaria di secondo grado di durata quinquennale. Il bando scade l’1 agosto 2021 e vi si può partecipare esclusivamente a mezzo di posta elettronica certificata all’indirizzo [email protected] indicando nell’oggetto “Domanda concorso pubblico 8/D/AMMINISTRATIVI” oppure “Domanda concorso pubblico 10/C/AMMINISTRATIVI-2021”. Prevista una prova scritta e una orale.

La Valle D’Aosta cerca 80 infermieri

La Ausl della Valle d’Aosta è alla ricerca di 80 infermieri (ruolo di collaboratore professionale sanitario – infermiere) a cui offrire un contratto a tempo indeterminato. Serve una laurea triennale in Infermieristica o diploma universitario di Infermiere oltre all’iscrizione all’albo professionale. Ci si potrà candidare entro il 5 agosto 2021 tramite la procedura telematica sul sito dell’Ausl; sono previste tre prove d’esame, di cui una scritta, una pratica e una orale.

Collaboratori sanitari all’Ats di Milano

Un contratto a tempo indeterminato per collaboratori sanitari presso i dipartimenti dell’Azienda Tutela della Salute Città Metropolitana di Milano. Nello specifico si tratta di 5 posti di collaboratore sanitario professionale – assistente sanitario da assegnare al Dipartimento di Igiene e Prevenzione Sanitaria e al Dipartimento per la programmazione, accreditamento, acquisto delle prestazioni sanitarie e sociosanitarie (PAAPSS), in base alle necessità organizzative. Richiesto il diploma di laurea o laurea di I livello per Assistente sanitario oppure diplomi e attestati conseguiti in base all’ordinamento precedente. Previste tre prove d’esame (scritta, pratica e orale) e una preselettiva per titoli. C’è tempo fino al 5 agosto 2021. Per candidarsi andare sul sito di Ats Milano.

Sette concorsi pubblici per la scuola

Questo sarà anche l’anno dei concorsi pubblici nella scuola. Previsti per l’anno scolastico 2021-2022 ben 7 concorsi pubblici: si comincia con l’ordinario per infanzia e primaria per 12.863 posti da insegnante il prossimo ottobre. In questo caso le domande sono state presentate entro il 31 luglio 2020 ma le prove non si sono mai svolte. Niente preselettiva, solo uno scritto e un orale e la valutazione dei titoli. I prof saliranno in cattedra dall’1 settembre 2022. Il concorso ordinario della secondaria di I e II grado, invece, dovrebbe svolgersi entro il 15 ottobre 2021. Le domande sono state inviate entro il 31 luglio 2020. Per le prove Stem, concluse la scorsa settimana, sono stati messi a disposizione 6.129 posti. E dovrebbe esserci anche una nuova data di concorso che ancora non è stata stabilita. Infine è stato previsto un concorso straordinario entro il 31 dicembre che sarà formulato in base al numero di posti rimasti vacanti dopo le immissioni in ruolo per l’anno scolastico 2021-2022. Sarà riservato ai docenti con tre anni di servizi negli ultimi cinque. La posta in “palio” è un contratto a tempo indeterminato e la prova darà il posto a 18.500 precari di prima fascia.

I concorsi da avviare con semplificazioni

In ballo ci sono migliaia di posti di lavoro, ci spiegano dal dipartimento della Funzione Pubblica. «Il nostro obiettivo era sbloccare i concorsi pubblici e velocizzarli il più possibile», aggiungono. I concorsi da avviare con semplificazioni sono: Ispettorato nazionale del lavoro (1.514 posti per oltre 72 mila candidati); Agenzia italiana per la cooperazione allo sviluppo (92 funzionari, oltre 10 mila candidati); Ministero della Transizione ecologica (251 funzionari, 2.400 candidati) per i quali deve svolgersi la prova scritta con semplificazioni, ma le preselettive si sono già concluse ancor prima della riforma Brunetta; Ministero della Cultura (1.502 funzionari), anche in questo caso in attesa della prova scritta semplificata, già svolte le preselettive. 70, invece, sono i funzionari per la cyber security del ministero dello Sviluppo economico (circa 2 mila candidati) e poi c’è il concorso unico per funzionari amministrativi (2.133 posti con 137 mila candidati), tutti da avviare con semplificazioni. Circa 6 mila in tutto, tutti organizzati dal dipartimento della Funzione pubblica. I concorsi gestiti da altre amministrazioni, invece, garantiranno altri 8.800 posti di lavoro mentre di prossima indizione (concorsi semplificati) si parla di altre 9.200 unità da immettere «nelle amministrazioni centrali, tra i vari ministeri».

Foto in copertina: UNSPLASH

Leggi anche: