Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Femminicidi, dall’inizio del 2021 sono 63 le donne uccise in Italia in ambito affettivo

Di queste, riporta il Viminale, 43 hanno trovato la morte per mano del partner o dell’ex partner. Quello di Vanessa Zappalà è l’ennesimo caso

A Catania un uomo denunciato per stalking ha ucciso con sette colpi di pistola l’ex fidanzata prima di togliersi la vita. Nel milanese un 70enne ha sparato a moglie e figlia poi si è suicidato. A Trani un altro uomo ha accoltellato in pieno viso la compagna per aver rifiutato un rapporto sessuale. Quello appena trascorso è stato un week end tragico sul fronte della violenza sulle donne. E la cronaca mostra come nella maggior parte dei casi i carnefici facessero parte della sfera affettiva delle vittime, spesso all’interno delle mura di casa. I numeri indicano che dal 1° gennaio al 15 agosto 2021 sono stati registrati 170 omicidi, con 69 vittime donne di cui 60 uccise in ambito familiare/affettivo: Di queste, 43 hanno appunto trovato la morte per mano del partner o dell’ex partner. Sono i dati ufficiali del report settimanale elaborato dal Servizio Analisi Criminale della Direzione Centrale della Polizia Criminale. A questo quadro vanno aggiunte le tre donne uccise nelle ultime 24 ore, la madre e la figlia a Carpiano ieri e la ragazza morta oggi ad Acitrezza. Per un totale di almeno 63 donne uccise in ambito familiare o affettivo.


Gli omicidi registrano un lieve calo. È allerta sulla violenza di genere

Analizzando gli omicidi del periodo fino al 15 agosto, rispetto a quello analogo dello scorso anno, il Servizio Analisi Criminale ha sottolineato un leggero decremento (-7%) nell’andamento generale degli eventi (da 182 a 170) nonché una diminuzione delle vittime di genere femminile che passano da 79 a 69 (-13%). I delitti commessi in ambito familiare o affettivo mostrano una lieve diminuzione, passando da 96 a 93 (-3%), le vittime di genere femminile passano da 69 nel periodo dal 1° gennaio al 15 agosto 2020 a 60 nell’analogo periodo dell’anno in corso (-13%). Nell’arco temporale dell’anno in corso, anche le donne vittime del partner o ex, fanno registrare un decremento rispetto all’analogo periodo dell’anno 2020, passando da 46 a 43 (-7%). Oltre ai delitti rimane il problema della violenza di genere, che spesso non viene denunciata. Per questo il ministero dell’Interno utilizza i cosiddetti «reati spia», quei delitti che sono indicatori di violenza di genere, espressione dunque di violenza fisica, sessuale, psicologica o economica, diretta contro una donna in quanto tale. Nel primo semestre del 2021 sono stati 19.128, con l’incidenza delle vittime donne che rimane invariata al 79%.


Continua a leggere su Open

Leggi anche: