Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Carlo Freccero spiega perché firma il referendum contro il Green Pass: «Le élite governano l’Italia con la paura»

L’ex consigliere d’amministrazione della Rai e direttore di Raidue: «Gli italiani stanno obbedendo come voleva Goebbels. Ma il popolo deve dire la sua»

Carlo Freccero, ex consigliere d’amministrazione della Rai e direttore di Raidue, è tra i promotori del referendum contro il Green Pass che ha avviato una raccolta di firme per abrogare tutti i provvedimenti legislativi sulla Certificazione Verde Covid-19. In una lettera al Fatto Quotidiano oggi Freccero spiega perché ha promosso il referendum: «Preso atto della irriformabilità della Costituzione, le élite sembrano aver trovato la soluzione nel metterla fuori gioco, nel bypassarla in nome dell’emergenza. Per superare questo ostacolo si è ricorsi, fin dall’inizio della pandemia Covid, a strumenti capaci di oltrepassare il problema: Dcpm e Decreti legge». Freccero accusa i media di aver propagandato a favore dei governi l’uso di strumenti illiberali come il Green Pass. E rievoca il referendum per la riforma della Costituzione sostenuto dal governo Renzi: «Qui però c’è qualcosa di diverso e questo qualcosa di diverso è la paura. Con la pandemia il dibattito si è spostato in campo sanitario. È bastato trasferire dalla politica alla sanità l’attenzione dell’elettorato, per ottenere quel consenso che sul piano politico non era possibile conseguire. Per l’essere umano, nella sua fragilità, la morte viene prima della Costituzione che perde importanza di fronte alla malattia. Si è trattato di un esperimento di ingegneria sociale basato su un movente fortissimo: la paura della morte».


Non poteva mancare il riferimento alla propaganda nazista: «Goebbels, teorico della propaganda nazista, interrogato sui metodi per conseguire il consenso popolare, è stato in merito chiarissimo: non si tratta di contenuti specifici, non si tratta di destra o di sinistra, in ogni caso il consenso si ottiene con la paura. Se un governo è in grado di promuovere la paura, il popolo obbedirà. Gli italiani stanno obbedendo. Aderendo alle richieste del governo ci spogliamo volontariamente di qualsiasi difesa nei confronti di un potere sempre più pervasivo. In realtà le élite transnazionali stanno decidendo per noi e lo fanno ormai a carte scoperte, come se ritenessero già conseguita la vittoria. Sta a noi decidere se le loro scelte sono anche le nostre». Concetti ribaditi in una lettera a La Stampa: «Diciamo la verità: non è la pandemia ad avere causato la crisi economica. E piuttosto la crisi economica ad avere causato la pandemia, o quanto meno, ad averla amplificata al fine di ultimare il “Grande Reset”. È giusto che il popolo, l’oggetto di quanto è in divenire, possa, come accade in tutte le democrazie, farsi soggetto e decidere se desidera o meno proseguire per la strada tracciata dalle élite. La risposta verrà dopo. Nella mia testa i referendum sono destinati ad aprire finalmente un dibattito ampio su tutti questi quesiti aperti».


Leggi anche: