Superlega, l’Uefa annulla le sanzioni per Juve, Real e Barça. Parte il contrattacco: «Il giudice di Madrid deve farsi da parte»

Il governo del calcio europeo ha annunciato ricorso contro il procedimento portato avanti finora dal giudice di Madrid, che punta a far sostituire

L’Uefa riparte in contropiede nella battaglia legale sulla Super League che si fa sempre più agguerrita. I vertici del calcio europeo vogliono ricusare il giudice del Tribunale di Madrid, Manuel Ruiz de Lara, che aveva invitato la stessa Uefa a ritirare le sanzioni contro Real Madrid, Barcellona e Juventus, per «significative irregolarità». Sanzioni che nella tarda serata di ieri erano già state annullate, comunque già sospese anche per gli altri club che lo scorso aprile avevano deciso di dare vita a un torneo di top club europei, scioltosi in pochissimo tempo. Come riportano i giornali spagnoli e la Repubblica, l’Uefa spera ora che il giudice spagnolo si faccia da parte e che emergano le irregolarità nel procedimento che aveva avviato.


La battaglia legale

Se però dal lato della giustizia sportiva il caso Super League è di fatto congelato, da quello della giustizia ordinaria è tutt’altro che chiuso. L’Uefa ha annunciato di voler fare ricorso alla Corte provinciale di Madrid per: «difendere i propri interessi e quelli delle parti interessate, mediante la presa di misure necessarie». Ed è sempre in piedi il procedimento alla Corte europea del Lussemburgo, dove sono attesi i pareri della perticheranno entro il 15 ottobre. Sarà la Corte europea alla fine a prendere una decisione vincolante per tutti. Ma non è detto che la battaglia tra i club promotori della Superlega e la Uefa finisca in quell’occasione.


Leggi anche: