Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Rapina shock in un ristorante del Napoletano: pistole in faccia ai bambini per 4 orologi e una collana d’oro – Il video

I carabinieri stanno ascoltando i titolari del locale e tutte le persone presenti al momento del fatto. Acquisite anche le immagini delle telecamere di videosorveglianza

Sono immagini agghiaccianti quelle che vengono da Casavatore (Napoli) dove per quattro orologi – tra i quali un Rolex e un Tudor – e per una collana d’oro due rapinatori hanno puntato le pistole anche contro un bambino. La rapina è avvenuta nella serata di sabato all’interno di un ristorante dove erano presenti diverse famiglie con bambini al seguito. I due uomini, come si vede dalle immagini, non si sono fatti alcuno scrupolo non solo a fare irruzione armati alla presenza di tanti minori ma addirittura a puntare le armi contro di loro. Alcune fasi della rapina sono state catturate dalle immagini delle telecamere di videosorveglianza del locale e sono state diffuse da Internapoli e Nanotv. Poi sono state rilanciate dal consigliere regionale della Campania, Francesco Emilio Borrelli.


«Mostri senza scrupoli e armati fino ai denti»

Come si vede dal video, i due rapinatori, incappucciati, hanno utilizzato anche un kalashnikov per mettere a segno la rapina. «Ho parlato con il titolare del locale e mi ha riferito di aver avuto subito una riduzione significativa della clientela – racconta il consigliere regionale Borrelli – si è trattato di un episodio grave: delinquenti armati fino ai denti, la rapina si poteva trasformare in una strage. Noi esprimiamo totale solidarietà al ristoratore e alle vittime di questa aggressione criminale ignobile avvenuta davanti a bambini e famiglie realizzata da mostri senza scrupoli. I nostri territori sono sempre più nelle mani di questi delinquenti senza scrupoli e armati fino ai denti». Intanto i carabinieri hanno avviato le indagini: stanno ascoltando i titolari del ristorante e tutte le persone presenti al momento del fatto. Sono state acquisite, infine, le immagini delle telecamere di videosorveglianza per incastrare i responsabili.


Continua a leggere su Open

Leggi anche: