Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Campania, De Luca e il caso della scuola di Qualiano: «20 studenti positivi al Covid, 99% sono figli di No vax»

La denuncia arriva dal governatore della Campania che precisa come la regione non pagherà il tampone ai No vax. «Vaccinarsi tutti», scrive

Il governatore della Campania Vincenzo De Luca, nel corso del suo intervento a Industria Felix a Napoli, ha fatto sapere che oggi ha ricevuto un messaggio che lo ha «fatto arrabbiare». «Mi dicevano che in una scuola di Qualiano ci sono 20 studenti e 7 docenti positivi (al Covid, ndr). Abbiamo fatto il contact tracing e per il 99 per cento sono figli di genitori non vaccinati». «Non ho parole – ha tuonato – per esprimere il mio disprezzo per chi non ha rispetto per i propri figli. Confondere il diritti alla libertà con il diritto di contagiare colleghi e familiari e mettere a rischio la ripresa economica del Paese mi indigna». Ne ha approfittato per ribadire che la regione è «per vaccinare tutti» e che non è disposta a dare il tampone gratuito ai No vax. «A nessuno», ha detto.


Poi è tornato sulla vicenda con un post su Facebook dove ha fornito anche alcuni dati. «In una scuola di Qualiano sono stati registrati 13 alunni positivi (8 scuola dell’infanzia, 4 elementari, 1 scuola media), e 5 insegnanti – ha scritto – Dalle indagini epidemiologiche è risultato che 19 contatti familiari non erano vaccinati. L’Asl Napoli 2 è intervenuta prontamente per mettere al sicuro tutta la scuola e tutte le famiglie». «Questo è un esempio drammaticamente lampante di cosa può succedere in presenza di genitori irresponsabili che mettono a grave rischio la salute dei propri figli, e contestualmente quella degli altri alunni che frequentano la scuola, e di intere famiglie. È questo l’atteggiamento irresponsabile e incivile di chi si ostina ancora a non vaccinarsi. E magari pretende che sia lo Stato a pagargli i tamponi. Vaccinarsi tutti!», ha concluso il governatore della Campania.


Foto in copertina: ANSA/CIRO FUSCO

Continua a leggere su Open

Leggi anche: