Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Draghi: «L’Italia si è dimenticata per anni dei giovani. Ma ora sono al centro dell’azione di governo» – Il video

Il discorso alla Steve Jobs del premier, in visita in una scuola di Bari: «Il vostro compito è cominciare a immaginare il Paese in cui vorrete vivere. Preparatevi a costruirlo, con passione, determinazione e un pizzico di incoscienza»

I giovani? Dimenticati da questo paese per anni. Ma ora il vento è cambiato. Lo assicura il premier Mario Draghi. «Negli ultimi mesi, ogni volta che ho avuto occasione di incontrare dei giovani, sono rimasto colpito dal loro idealismo, dalle loro capacità, dalla loro dedizione», dice il presidente del Consiglio in visita all’Istituto Tecnico Superiore “Antonio Cuccovillo” di Bari. «Penso ai giovani diplomatici che mi hanno accompagnato durante la mia visita a Tripoli. Ai medici e agli infermieri che ho conosciuto a Bergamo e al centro vaccinale di Fiumicino. Ai campioni dello sport che ho avuto il piacere di ricevere a Palazzo Chigi. Ma penso anche ai tanti che mi scrivono, per raccontare le proprie paure e le proprie ambizioni. Con tutti loro, con tutti voi, voglio prendere un impegno. Dopo anni in cui l’Italia si è spesso dimenticata delle sue ragazze e dei suoi ragazzi, sappiate che le vostre aspirazioni, le vostre attese, oggi sono al centro dell’azione del Governo», assicura il premier. Draghi ha anche aggiunto che investire sulla scuola è ormai indispensabile: «Investire nella scuola è un dovere civile e un atto di giustizia sociale. A voi giovani spetta il compito di trasformare l’Italia. Il nostro compito è mettervi nelle condizioni di farlo al meglio. Il vostro è cominciare a immaginare il Paese in cui vorrete vivere. Preparatevi a costruirlo, con passione, determinazione e – perché no – un pizzico di incoscienza».


Video Palazzo Chigi/Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev


Leggi anche: