Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Al via la settimana dei vaccini in Svizzera: lotteria, taxi gratis e ipnosi per convincere gli indecisi

Iniezioni in tram, in battello o a casa. Con un budget di 100 milioni franchi, parte la settimana nazionale di immunizzazione

Dalle lotterie a premi all’ipnosi, la Svizzera le prova tutte per convincere gli indecisi a farsi il vaccino. È partita oggi la settimana nazionale di immunizzazione contro il Covid-19, che durerà fino al 14 novembre. «Superiamo insieme la pandemia» è il motto della campagna, che mette insieme una serie di iniziative a dir poco originali per raggiungere il maggior numero di non vaccinati. Con solo il 64% della popolazione che ha completato il ciclo delle due dosi, infatti, la Svizzera registra un tasso più basso rispetto agli altri paesi europei. E dopo una diminuzione dei casi Covid nelle scorse settimane, la tendenza si è di nuovo invertita: quasi 280 nuovi casi per 100.000 abitanti negli ultimi 14 giorni. Un andamento che preoccupa le autorità, soprattutto in vista del periodo natalizio e della riapertura degli impianti sciistici, che attirano turisti da tutta Europa e non solo. E quindi non resta che appellarsi al buon senso dei cittadini, proponendo una grande varietà di servizi di consulenza e offerte vaccinali, per un budget di 100 milioni di franchi.


In tutto il paese circoleranno camion e squadre mobili di vaccinazione. A Zurigo si potrà ottenere l’iniezione in tram o in stazione, mentre a Basilea sarà possibile farlo in un battello sul Reno. Nel cantone Lucerna, famiglie o gruppi di cinque o più persone potranno prenotare un team di vaccinazione a domicilio, mentre ad Appenzello Esterno un servizio taxi gratuito accompagnerà i pazienti all’hub vaccinale più vicino. Ma ecco che accanto alle iniziative più ortodosse, il governo ha deciso di affidarsi anche ad alcuni metodi creativi come la lotteria per chi riceve la prima dose a Ginevra. Il premio più ambito: “un momento ginevrino unico”, ad esempio una visita guidata allo storico bunker del governo o la possibilità di guidare un veicolo blindato. Anche chi ha paura dell’ago non avrà più nulla da temere: i più ansiosi potranno, infatti, sottoporsi a brevi sedute di ipnosi in studi medici specializzati. E poiché niente vende come la pubblicità fatta dai vip, oltre ottanta personalità dello sport, della cultura, dello spettacolo ma anche della politica e dell’economia hanno prestato il loro volto per sostenere la campagna. Infine, è previsto un tour di concerti gratuiti durante i quali ci si potrà vaccinare.


Continua a leggere su Open

Leggi anche: