Lo scontro Renzi-Travaglio finisce in procura: il senatore fa causa per risarcimento danni al Fatto quotidiano

Martedì 16 novembre la Giunta al Senato comincerà a discutere della lettera inviata dal senatore di Italia viva alla presidente Casellati

Finisce in procura l’ultimo scontro tra Matteo Renzi e il Fatto quotidiano, che da giorni sta pubblicando stralci dell’inchiesta di Firenze sulla fondazione Open. Secondo una nota dell’ufficio stampa di Italia viva, l’ex premier ha dato mandato ai suoi legali per una causa di risarcimento danni nei confronti del quotidiano diretto da Marco Travaglio: «per la diffamazione contenuta nell’edizione odierna del giornale». Oggi il Fatto quotidiano ha diffuso la notizia di una lettera inviata da Renzi alla presidente del Senato Elisabetta Casellati con il titolo: «”Difendimi dai pm”: così Renzi chiede l’immunità alla Casellati». Nella lettera del 7 ottobre scorso, Renzi ha chiesto alla presidente del Senato di: «porre in essere tutte le azioni a tutela dei diritti del parlamentare», perché secondo il senatore i magistrati della procura di Firenze, che lo indagano per concorso in finanziamento illecito, con il deposito delle intercettazioni in cui era presente anche lui, hanno violato «le guarentigie costituzionali del parlamentare».


«Ciò che è avvenuto per quanto riguarda le conversazioni di Matteo Renzi finite agli atti dell’inchiesta della Procura di Firenze non ha rappresentato “una utilizzazione parcellizzata e disconnessa della posizione dei parlamentari” bensì “una utilizzazione ce ha evidenti ed inequivocabili incidenze sulla loro posizione nell’ambito del procedimento penale”»


Uno stralcio pubblicato dal Fatto quotidiano della lettera di Matteo Renzi alla presidente del Senato Elisabetta Casellati del 7 ottobre scorso

Il prossimo martedì, dopo le 20, la Giunta per le autorizzazioni a procedere del Senato comincerà a discutere della richiesta inoltrata da Renzi alla presidente Casellati.

Leggi anche: