Arrestato un carabiniere a Matera: intascava lo stipendio anche dai clan in cambio di informazioni

Il carabiniere ha ricevuto altri 75 mila euro tra il 2015 e il 2019 direttamente da un capo clan del Metapontino

Un carabiniere è stato arrestato a Castellaneta, in provincia di Taranto, perché riceveva uno vero e proprio stipendio fisso dai clan del Metapontino, in Basilicata, per passare all’organizzazione criminale ogni tipo di informazione utile. Si tratta di Michele Fico, 49 anni, carabiniere in servizio nella città lucana che avrebbe incassato denaro dal capo clan almeno dal settembre 2015 a novembre 2019. In quei quattro anni Fico avrebbe ricevuto circa 75mila euro. Il carabiniere avrebbe usato quel denaro per scommesse e giochi online, nel tentativo di nascondere l’origine di quei guadagni.


Nel periodo in cui Fico ha collaborato con il clan si trovava in servizio a Bernalda, in provincia di Matera, mentre adesso era in servizio in provincia di bari e risulta indagato per concorso con Vincenzo Porcelli, condannato e attualmente detenuto per traffico di sostanze stupefacenti.


Leggi anche: