Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Atp Finals, Sinner perde l’ultimo match 2-1 contro Medvedev. Il russo: «Resta un giocatore incredibile»

L’altoatesino è uscito dal torneo a testa alta. Ora il prossimo obiettivo è la Coppa Davis

Daniil Medvedev è il tennista russo che al momento è il numero 2 della classifica Atp. Solo lo scorso agosto ha bloccato Novak Djokovic alla finale degli Us Open impedendogli di completare il Grande Slam, la combinazione di vittorie stagionali più ambita in questo sport. Questa sera al Pala Alpitour di Torino, Medvedev si è confrontato con l’altoatesino Jannik Sinner per le Atp Finals. Era una partita di girone, non certo strategica per l’italiano che ormai era fuori dal torneo. Eppure lo spettacolo non è mancato. Sinner ha perso il primo set per 6-0, poi si è ripreso, trionfando al secondo set per 7-6. Si è bloccato ancora al terzo set, perdendo però solo al tie-break. Ora Medvedev proseguirà per le semifinali dove incontrerà Andrej Rublëv o Casper Ruud. Intanto però il russo si è complimentato con Sinner, alla sua prima apparizione alle Atp Finals: «Doveva essere un match morto, invece ci siamo battuti per due ore e mezza. Jannik è partito male, poi ha giocato davvero bene ed è stata una bellissima partita. Sinner è un giocatore incredibile, l’anno scorso dissi che era uno dei giovani più forti, sono felice di averci azzeccato».


Ora Sinner guarda al prossimo appuntamento: la Coppa Davis che si giocherà dal 25 novembre sempre al Pala Alpitour: «Non vedo l’ora di tornare in campo qui a Torino, vogliamo vincere per l’Italia e siamo una squadra molto competitiva». Nessun rimorso invece per questa sconfitta: «Ho perso contro il numero 2 al mondo, entrambi abbiamo giocato benissimo e c’era un’atmosfera bellissima. Vedremo cosa succederà l’anno prossimo, avrei voluto qualificarmi direttamente e non subentrare come riserva, ma ho grande consapevolezza nei miei mezzi in vista dell’anno che verrà. È stata una bellissima esperienza, speravo di non finire le mie Atp Finals ma sono comunque soddisfatto: ho fatto del mio meglio».


Continua a leggere su Open

Leggi anche: