Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

La polemica sulla serie di Zerocalcare in romanesco «da sottotitolare». Arriva la risposta definitiva dell’autore

L’artista ha risposto ironicamente a chi ha accusato la sua serie di essere incomprensibile ai non romani

Strappare lungo i bordi è uscita da cinque giorni su Netflix e già ha sollevato le prime polemiche da social network. La serie tv di Zerocalcare, tutta doppiata da lui e tutta rigorosamente in romanesco, ha scatenato le lamentele di chi l’avrebbe voluta in un italiano più comprensibile anche a chi non vive nella Capitale. A difendere l’artista di Rebibbia ci ha pensato fin da subito la sua community di fan incalliti, ma a mettere il punto definitivo è intervenuto lo stesso Michele Rech (nome di battesimo del fumettista, ndr). In pieno stile Zerocalcare – e sulla filosofia di uno dei suoi personaggi di punta, Secco – ha risposto alle critiche con un: «Madonna regà, ma come ve va de ingarellavve su sta cosa».


Per i non romani: il verbo ingarellarsi, usato in un contesto non competitivo, prende la sfumatura di «entusiasmarsi eccessivamente per qualcosa». Anche in questo caso non sono mancate le traduzioni ironiche al post – alcune anche sbagliate, come chi ha azzardato un «concentrarvi».


Continua a leggere su Open

Leggi anche: