Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

La deputata No Green pass Sara Cunial alla Camera: «Vi perdono anche se mi state discriminando» – Il video

«Per un mese mi avete nominata senza che io fossi presente e ora chiedo di poter rispondere alle accuse», ha detto la deputata prima che le venisse spento il microfono

«Volevo ringraziare questa istituzione che ha evidenziato come il Green pass sia una misura burocratica e non sanitaria, permettendomi di essere qui a svolgere le mie funzioni e il ruolo di parlamentare eletta. La stessa regola messa dal Parlamento colpisce milioni di lavoratori colpevoli di essere nati liberi e sani». Così la deputata No vax e No Green pass Sara Cunial nel corso del suo intervento oggi alla Camera. Cunial ha poi confermato che giovedì 25 novembre si riunirà il Consiglio di giurisdizione, il tribunale interno della Camera, per decidere sul suo ricorso contro la delibera sui Green pass dei questori. «Non mi aspetto buone notizie, ma in ogni caso farò appello – ha detto all’Ansa – Intanto sono qui. Oggi partecipo alle votazioni». L’intervento di Cunial è stato anche interrotto dalla presidente di turno, Maria Edera Spadoni: «Mi scusi onorevole ma il suo intervento non è sull’ordine dei lavori». La deputata, però, parlando dalle tribune ha insistito: «Per un mese mi avete nominata senza che io fossi presente e ora chiedo di poter rispondere alle accuse che in questa Camera mi sono state mandate. Oggi vi lancio l’arma più potente, io vi perdono anche se mi state discriminando come mai successo in quest’aula a nessun altro parlamentare, e come state facendo per tutti i cittadini trasformando i nostri diritti naturali e costituzionali in privilegi. Vi perdono». Quindi, le è stato tolto l’audio del microfono.


Continua a leggere su Open


Leggi anche: