Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

«Vecchi, signori e signore, Maria e Giovanni». Natale, le linee guida della Commissione Ue: cosa si può dire e cosa no

32 pagine di suggerimenti per una lingua inclusiva e non discriminatoria. Sul piede di guerra Meloni e Salvini

Il dossier si chiama Guidelines for inclusive communication ed è indirizzato ai funzionari Ue affinché usino una neolingua inclusiva e non discriminatoria. Si tratta di 32 pagine di suggerimenti, che sarebbero dovuti rimanere privati e che, invece, sono trapelati, come il non offendere chi non crede, quindi i non cristiani che non fanno il presepe. Per questo motivo, secondo la commissaria maltese per l’uguaglianza, Helena Dalli, la parola «Natale» può essere sostituita con «feste». Quindi anziché dire «buon Natale», basterebbe limitarsi a un generico «buone feste» così da non discriminare nessuno. L’obiettivo è evitare di «considerare che chiunque sia cristiano» perché serve «essere sensibili al fatto che le persone abbiano differenti tradizioni religiose». Ma il dossier affronta diverse tematiche: si va dall’evitare di dire «colonizzare Marte» perché è un’offesa ai marziani al non dire «cittadino immigrato» perché potrebbe ferire chi non ha cittadinanza. Meglio evitare di dire «vecchi» perché gli anziani potrebbero risentirsene: al posto di usare «Mr o Mrs» basterebbe dire «Mx». E ancora: meglio «cari colleghi» piuttosto che «signore e signori», evitare sempre nomi cristiani, meglio quelli generici e internazionali. Quindi no a «Maria e Giovanni», meglio «Malika e Julio». Insomma, il mondo cambia, la lingua si adegua.


Tutti i suggerimenti della Commissione Ue

Un dossier che ha scatenato perplessità e critiche. Da quella del leader della Lega Matteo Salvini che ha scritto «Viva il Natale, sperando che in Europa nessuno si offenda» a Giorgia Meloni secondo cui «la nostra storia e identità non si cancellano» fino a un’interrogazione presentata da Forza Italia. Da Bruxelles, però, ci tengono a precisare che nessuno ha mai vietato o scoraggiato l’uso della parola Natale: «Celebrare il Natale e usare nomi e simboli cristiani sono parte della ricca eredità europea», ha fatto sapere un portavoce dell’Ue. La Commissione Ue vorrebbe solo garantire la neutralità sulle questioni religiose. Nel dossier si segnalano anche altri suggerimenti importanti: quando si parla di transessuali, ad esempio, bisognerebbe identificarli secondo la loro indicazione; infine è bene evitare qualunque tipo di stereotipo su sesso, etnia ed età.


Foto in copertina da ANSA

Continua a leggere su Open

Leggi anche: