Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Arresto Ferrero, le accuse per il manager, sua figlia e il nipote: così facevano sparire le carte dei fallimenti – L’ordinanza

Secondo i documenti raccolti dagli inquirenti, gli indagati avrebbero sfruttato le aziende poi portate al fallimento come dei bancomat. E in alcuni casi i documenti per ricostruire i bilanci svanivano con misteriosi furti d’auto

Sono quattro le bancarotte fraudolente su altrettante società per cui la procura di Paola, nel Cosentino, ha chiesto e ottenuto l’arresto di Massimo Ferrero, l’ex presidente della Sampdoria finito in carcere questa mattina, 6 dicembre, a San Vittore a Milano. I crac riportati dal Gip di Paola nell’ordinanza di arresto riguardano la Ellemme Group, la Blu Cinematografica, la Blu Line e la Maestrale srl. Società di proprietà anche di Ferrero che operavano nel turismo e nel settore cinematografico e alberghiero con sede in provincia di Cosenza. Secondo la procura di Paola, Ferrero, arrestato assieme a sua figlia Vanessa e il nipote Giorgio, avrebbero falsificato i bilanci passivi, facendoli quindi passare per attivi, e dichiarato in più occasioni il falso a proposito dei fallimenti relativi alle società. Queste venivano usate come veri e propri bancomat, ottenendo profitti illeciti sottraendo denaro direttamente dalle casse delle società.


I casi sospetti

Uno dei casi in esame riguarda l’azienda Ellemme group Srl, della quale risulta amministratrice delegata la figlia Vanessa Ferrero. Secondo i magistrati, però, l’ex presidente della Samp sarebbe stato l’amministratore di fatto. La Ellemme group si sarebbe accollata un debito di 806 mila euro contratto dalla Global Media srl, dalla Mediaport Spa e dalla Ferrero Cinemas nei confronti di Rai Cinema. I crediti erano stati trasferiti, secondo i magistrati, «a favore dell’Eleven Finance», un’altra società del gruppo Ellemme. Un altro caso riguarda la sparizione di documenti contabili della casa di produzione avviate nel 1998, la Blu Cinematografica Srl. Per la Procura, Ferrero, sua figlia e Aniello Del Gatto (liquidatore della società dal 23 dicembre del 2012) avrebbero distrutto «in tutto o in parte, con lo scopo di procurare a sé o ad altri un ingiusto profitto o di recare pregiudizio ai creditori, i libri o le altre scritture contabili in modo da non rendere possibile la ricostruzione del patrimonio e del movimento degli affari». I pm segnalano un caso particolare, avvenuto il 13 febbraio del 2014: era stato denunciato «il furto di un’Audi S8 all’interno della quale vi era custodita una borsa in pelle contenente tutta la documentazione contabile» della Ellemme, tra cui «il libro giornale, i registri Iva, il libro inventari, i verbali delle assemblee» e altri documenti.


L’ordinanza

Immagine di copertina: ANSA/SIMONE ARVEDA

Continua a leggere su Open

Leggi anche: