Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Di Battista torna all’attacco di Draghi: «Vile coi No vax: li usa per pulirsi la coscienza» – Il video

L’ex esponente M5s chiama l’esecutivo italiano «Draghistan»: «Non ci ha capito nulla sulla pandemia. Nessuno si assume la responsabilità, nessuno paga. Draghi sta zitto sperando che il silenzio lo avvicini al Quirinale»

Duro attacco dell’ex esponente del M5s Alessandro Di Battista contro l’esecutivo guidato dal premier Mario Draghi: «Il fallimento del governo è sotto gli occhi di tutti: ha fallito dal punto di vista economico, perché non è riuscito a ristorare famiglie e imprese che hanno subito danni durante la pandemia da Covid. Ed ha ha fallito anche dal punto di vista do gestione della pandemia dove gli errori sono macroscopici». Queste le parole dell’ex attivista grillino pronunciate nell’ultimo video pubblicato sul suo canale YouTube e intitolato: «Il fallimento dei migliori». «Il governo non ci ha capito nulla sulla pandemia, se l’è presa esclusivamente con i No vax per pulirsi la coscienza per i mancati interventi sui trasporti e sulla scuola. Ai no-vax io suggerisco di vaccinarsi ma questo non mi impedisce di dire che il comportamento di questo governo nei loro confronti è stato brutto e vile. E irresponsabile».


L’attacco a Draghi e alle Quirinarie

Di Battista chiama il governo italiano «Draghistan» e ne descrive le dinamiche come quelle di un posto in cui «tutto è raccontato in modo perfetto ma falso». «Il presidente del Consiglio non parla di tutti questi problemi, sta zitto, prova a volare alto sperando che il silenzio lo avvicini al Quirinale – sono le parole usate dall’ex esponente M5s -. Ora sta lì intimorito che non possa raggiungere il Colle e lancia avvertimenti su palazzo Chigi, vuole mano libera. Se le indiscrezioni su questo fossero vere quali sarebbero le differenze tra lui e Salvini che voleva i pieni poteri?». E infine: «Davanti a quello che è avvenuto nelle ultime settimane, nessuno si assume la responsabilità, nessuno paga. Chi sono i responsabili dei disagi e della perdita di tempo e di denaro di milioni di cittadini?».


Continua a leggere su Open

Leggi anche: