Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

In che senso l’Asteroide 7482 si «avvicinerà» alla Terra il 18 gennaio?

Cosa sappiamo dell’oggetto cosmico che sta passando “vicino” al nostro Pianeta

L’asteroide 7482 (1994 PC1) è stato classificato come «potenzialmente pericoloso», ma di fatto sarà innocuo. Se guardiamo alle dimensioni cosmiche, l’asteroide passerà «vicino» alla Terra, ma per noi comuni mortali sarà astronomicamente lontano. In generale i termini tecnici con cui gli astronomi comunicano nella vita reale l’arrivo di oggetti cosmici del genere potrebbero sembrare ingiustificatamente allarmanti. Cerchiamo di fare chiarezza. Nessuno, nemmeno la Nasa, si aspetta che 7482 colpisca la Terra. Semplicemente «è il più vicino che arriverà nei prossimi due secoli», secondo quanto riporta la Cnn, riferendo alcune proiezioni dell’Agenzia spaziale americana. Le dimensioni di questo asteroide sono stimate il doppio dell’Empire State Building, col diametro di un chilometro.


Raggiungerà il punto più vicino al nostro pianeta il 18 gennaio. Tanto per intenderci: la distanza sarà di oltre due milioni di chilometri. Questo è sufficiente a classificarlo come PHA (Potentially Hazardous Asteroid), ovvero «potenzialmente pericoloso»; questo perché con le sue dimensioni – e dato il fatto che attraversa l’orbita terrestre -, se ci cascasse addosso non sarebbe una bella giornata per noi. Questo non significa che possa succedere davvero, anzi è piuttosto improbabile.


L’asteroide non è nemmeno uno sconosciuto. È noto anche come «1994 PC1», perché è stato scoperto dall’astronomo Robert McNaught il 9 agosto 1994 presso il Siding Spring Observatory, situato a Coonabarabran in Australia. Istituti come il Center of Near-Earth Object Studies (CNEOS) della NASA sono quelli che si occupano di classificare questi oggetti cosmici. In America esiste un vero e proprio Planetary Defense Coordination Office, che dovrebbe essere allertato qualora sul serio ci trovassimo un asteroide o una cometa in rotta di collisione contro di noi. Non è questo il caso.

Foto di copertina: BENG-ART | Asteroide, immagine di repertorio.

Continua a leggere su Open

Leggi anche: