Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Super Bowl, durante la partita vedremo il primo trailer della serie Amazon sul «Signore degli Anelli»

La finale della Nfl è l’evento sportivo più seguito negli Stati Uniti. Mediamente gli spettatori sono tra i 90 e i 110 milioni

465 milioni di dollari solo per la prima stagione. Il 2 settembre 2022 in esclusiva su Prime Video verrà pubblicato il primo episodio de Il Signore degli Anelli, la serie prodotta da Amazon e basata sull’universo fantasy disegnato da J.R.R. Tolkien. L’evento, ovviamente, è epocale, anche perché nessuna serie si era mai nemmeno avvicinata a questo budget. L’ultima stagione di Game of Thrones era costata in tutto meno di 100 milioni di dollari. Per adesso si è visto pochissimo di questa serie, giusto qualche foto e una breve animazione con del metallo appena colato che attraversa le incisioni di una tavola di legno. Ma presto i fan di Tolkien potrebbero avere qualcosa di cui parlare: il primo teaser della serie è atteso per il Super Bowl, la finale della National Football League che andrà campo al SoFI Stadium di Inglewood in California. Quest’anno a contenderselo ci sono i Cincinnati Bengals e i Los Angeles Rams.


C’è una lunghissima tradizione legata agli spot del Super Bowl. Storicamente è l’evento sportivo più seguito in tv dal pubblico degli Stati Uniti con un pubblico che si aggira tra i 90 e i 110 milioni di spettatori, anche se in calo negli ultimi anni. Senza contare tutti gli utenti che non lo seguono in diretta ma controllano i risultati o gli highlights. Gli spazi pubblicitari legati all’evento quindi sono molto ricercati, e molto pagati. Nel 2020 il prezzo per uno spazio di 20 secondi era fissato a 5,3 milioni di dollari, nel 2021 il prezzo è salito a 5,6 milioni di dollari. Visti i costi e le visibilità, le aziende dedicano i loro migliori team di creativi alla produzione di questi cortometraggi. Già si parla di un Arnold Schwarzenegger vestito da Zeus per presentare un nuovo modello Bmw. In questo ambito, uno dei più storici è stato quello lanciato da Apple nel 1984 in cui viene introdotto il Macintosh.


Cosa sappiamo della nuova serie tratta dai romanzi di Tolkien

Il titolo completo sarà Il Signore degli Anelli – Gli Anelli del Potere. Gli episodi in programma sono otto e ne verrà trasmesso uno alla settimana. Esattamente come la trilogia arrivata al cinema nel 2001, tutta la serie è stata girata in Nuova Zelanda. Dalle dichiarazioni diffuse dagli showrunner J.D. Payne e Patrick McKay sembra che gli eventi raccontati in questi episodi saranno precedenti a quelli raccontati nei libri: «Sino ad oggi, gli spettatori hanno visto sullo schermo solamente la storia dell’Unico Anello. Prima che ce ne fosse uno, ce n’erano molti… e siamo entusiasti di condividere la loro epica storia. Immaginiamo che questo titolo potrebbe essere sul dorso di un libro accanto agli altri classici di J.R.R. Tolkien. Il Signore degli Anelli: Gli Anelli del Potere unisce tutte le storie principali della Seconda Era della Terra di Mezzo: la forgiatura degli anelli, l’ascesa di Sauron l’Oscuro Signore, l’epica storia di Númenor e l’Ultima Alleanza tra gli Elfi e gli Uomini».

Leggi anche: