Scopri di più su DOMINO, la nuova rivista sul mondo che cambia

Pechino 2022, la perseveranza di Sofia Goggia: «Sembrava andato tutto in fumo, invece ci sono»

Dall’infortunio a Cortina alla discesa olimpica di domani, la campionessa azzurra: «Questa è la prova più grande a cui la vita mi abbia mai messa davanti»

«Tutto sembrava andato in fumo… invece: ci sono!». Sofia Goggia, alla vigilia della gara di discesa libera alle Olimpiadi invernali, in un lungo post su Instagram ha ripercorso le tappe che l’hanno portata a recuperare sia sul fronte fisico sia sul fronte motivazionale. Dopo il grave infortunio del 23 gennaio scorso durante il SuperG a Cortina, che le è costato una distorsione al ginocchio sinistro, una lesione parziale del legamento crociato e una micro frattura del perone, Goggia è pronta per difendere l’oro vinto a PyeongChang nel 2018. Nel suo post, l’azzurra scrive: «È il parterre a Cortina che ammutolisce in pochi secondi. Ed è l’abbraccio con i miei amici di sempre in cui mi sono stretta e che mi ha avvolta nella reception dell’hotel, prima di volare a Milano. Sono le loro parole che mi invitano a tenere duro di testa. Ed è la profonda sofferenza che provo nel mio cuore disperato. Sono le interminabili lacrime in elicottero – racconta la campionessa – ed è l’esito delle risonanze che non voglio sentire, ma che mi toccherà sapere. È un crociato lesionato che ha bisogno di tempo, ed è proprio il tempo, ciò che non ho. È l’ennesimo urlo che verrebbe naturale scagliare contro il cielo, ed è invece la forza, la luce che sai trovare dentro di te e che non ti farà perdere la calma».


Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Sofia Goggia (@iamsofiagoggia)


La campionessa azzurra racconta ancora: «È il primo di febbraio, giorno di partenza della tua squadra per le Olimpiadi, e sono le lacrime in palestra, zoppicante, al pensiero di non essere anche io all’aeroporto con loro. Sono i messaggi di affetto di una Nazione ed è l’amore che ne consegue. È la fiducia di chi mi è stato accanto, ma è una dannata corsa contro il tempo. È il tempo biologico di guarigione che non hai, ed è la biologia delle credenze a cui tu ti affidi. Sono i progressi incredibili, e sono i Giochi che iniziano, quando ancora non hai toccato la Neve. Sono le prime curve incerte ed é il countdown dei giorni alla discesa a cui hai deciso di partecipare. “Questa è la prova più grande che la vita mi abbia mai portato”, sussurro tra le lacrime in partenza al fisio…».

«Domani partirò con il cuore che mi vola e la contentezza stampata in viso»

«L’altro giorno, quando sono entrata in casetta per fare la ricognizione della prima prova, ho guardato quei cinque cerchi e la scritta di Beijing: ho avuto un’esplosione di felicità nel cuore», ha aggiunto Goggia. «È il mio sorriso al traguardo dopo questi due primi allenamenti in pista… ed è la felicità di essere qui!! Perché le Olimpiadi sono il posto dove ciascun atleta vorrebbe essere… Oh, quel mio Sogno nel cuore sin da bambina! Domani partirò con il numero 13. Con il cuore che mi vola e la contentezza stampata in viso. Consapevole di aver dato tutto. Perché avrei dovuto esserci a prescindere, ma poi, con quella caduta, tutto sembrava andato in fumo… Invece: ci sono!».

Foto in copertina: EPA/Guillaume Horcajuelo

Leggi anche: